Lunedì 30 Novembre 2020, ore 12.28
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Debole il mercato americano

I segnali di ripresa dell’economia sono controbilanciati dalle tensioni tra Stati Uniti e Cina

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Partenza all'insegna della cautela per la borsa di Wall Street, in un contesto in cui i segnali di ripresa dell’economia sono controbilanciati dalle tensioni tra Stati Uniti e Cina.



Sul fronte macro sono attesi tra meno di mezz'ora: indice PMI manifatturiero, Spese costruzioni e ISM manifatturiero.

Sulle prime rilevazioni, viaggia poco sotto la parità il Dow Jones che lima lo 0,55%; sulla stessa linea, cede alle vendite lo S&P-500, che retrocede a 3.034,98 punti. Consolida i livelli della vigilia il Nasdaq 100 (-0,19%); in lieve ribasso lo S&P 100 (-0,42%).

Scivolano sul listino americano S&P 500 tutti i settori. Nella parte bassa della classifica dell'S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti energia (-0,98%), sanitario (-0,77%) e informatica (-0,43%).

La sola Blue Chip del Dow Jones in sostanziale aumento è Raytheon Technologies (+1,5%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Pfizer, che prosegue le contrattazioni a -7,02%.

Sotto pressione Intel, con un forte ribasso dell'1,65%.

Soffre Cisco Systems, che evidenzia una perdita dell'1,56%.

Preda dei venditori Verizon Communication, con un decremento dell'1,54%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Altera (+3,96%), Tripadvisor (+3,35%), Tesla Motors (+3,33%) e Viacom (+3,24%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Gilead Sciences, che prosegue le contrattazioni a -2,78%.

Seduta drammatica per Western Digital, che crolla del 2,57%.

Si concentrano le vendite su Mattel, che soffre un calo dell'1,95%.

Vendite su Regeneron Pharmaceuticals, che registra un ribasso dell'1,81%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.