Venerdì 26 Febbraio 2021, ore 00.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Male le borse europee, preoccupate da prospettive inflazione

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Inizio di settimana negativo per Milano, che è debole, in scia alle altre Borse di Eurolandia. Le aspettative di una ripresa economica globale, spinta dalle campagne di vaccinazione, hanno alimentato un rally delle materie prime e messo in allarme gli investitori per la previsione di un'inflazione più elevata.

Sostanzialmente stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,213. Lieve aumento dell'oro, che sale a 1.793,4 dollari l'oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua gli scambi, con un aumento dello 0,95%, a 59,8 dollari per barile.



Lo Spread peggiora, toccando i +96 punti base, con un aumento di 3 punti base rispetto al valore precedente, con il rendimento del BTP decennale pari allo 0,66%.

Nello scenario borsistico europeo sotto pressione Francoforte, con un forte ribasso dello 0,75%, soffre Londra, che evidenzia una perdita dello 0,75%, e giornata fiacca per Parigi, che segna un calo dello 0,57%.

Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dello 0,98%; sulla stessa linea, si muove in retromarcia il FTSE Italia All-Share, che scivola a 24.990 punti.

In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,47%); leggermente negativo il FTSE Italia Star (-0,51%).

In buona evidenza a Milano i comparti petrolio (+0,81%), beni industriali (+0,70%) e viaggi e intrattenimento (+0,53%).

Nella parte bassa della classifica del listino azionario italiano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti sanitario (-2,20%), automotive (-2,09%) e alimentare (-1,72%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, effervescente Atlantia, con un progresso del 4,18%, in attesa che oggi pomeriggio il CdA di Cassa Depositi e Prestiti sblocchi il dossier Autostrade per l'Italia.

Incandescente Saipem, che vanta un incisivo incremento del 2,12%.

Buoni spunti su Tenaris, che mostra un ampio vantaggio dell'1,16%.

Ben impostata ENI, che mostra un incremento dell'1,11%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Recordati, che prosegue le contrattazioni a -2,85%.

Sensibili perdite per Nexi, in calo del 2,64%.

In apnea Stellantis, che arretra del 2,48%.

Tonfo di DiaSorin, che mostra una caduta del 2,42%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione c'è ASTM (+27,24%), dopo che la famiglia Gavio e il fondo francese Ardian hanno lanciato una offerta pubblica di acquisto volontaria nei suoi confronti. Molto bene anche Tinexta (+4,58%), Mutuionline (+4,15%) e El.En (+3,77%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Saras, che ottiene -6,14%.

Lettera su MARR, che registra un importante calo del 3,00%.

Preda dei venditori Garofalo Health Care, con un decremento del 2,97%.

Affonda Biesse, con un ribasso del 2,30%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.