Facebook Pixel
Venerdì 3 Dicembre 2021, ore 14.13
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Giappone, indice PMI manifattura settembre scende a 51,5 punti

Economia, Macroeconomia ·
(Teleborsa) - L'attività della manifattura in Giappone continua a crescere a settembre, anche se al ritmo inferiore da febbraio. L'indice PMI manifatturiero Jibun Bank, pubblicato da Markit, indica un valore di 51,5 punti, migliore dei 51,2 punti indicati nella stima preliminare, ma in calo rispetto ai 52,7 punti di agosto. L'indicatore si indebolisce, ma resta ancora sopra la soglia critica dei 50 punti, che fa da spartiacque tra contrazione e crescita economica.

"I dati di settembre hanno indicato un miglioramento più lieve nella salute del settore manifatturiero giapponese, poiché l'ultimo PMI manifatturiero ha segnalato che le aziende hanno iniziato a sentire gli impatti della ripresa dei casi Covid-19 relativi alla variante Delta e all'interruzione della catena di approvvigionamento in corso", ha commentato Usamah Bhatti, economista presso IHS Markit.



"Le aziende giapponesi hanno registrato nuovi cali sia della produzione che dei nuovi ordini, poiché le attività hanno ceduto alle interruzioni causate da severe restrizioni pandemiche e carenza di materie prime - ha aggiunto - Positivamente, i mercati esterni hanno invertito il calo registrato ad agosto per tornare in territorio di espansione, sebbene il tasso di crescita sia stato lieve".

"L'interruzione della catena di approvvigionamento ha continuato a frenare l'attività e la domanda durante il mese di settembre. Le aziende hanno notato un forte deterioramento delle prestazioni dei fornitori poiché i tempi di consegna dei fornitori si sono allungati ai massimi da aprile 2011", ha concluso l'economista.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.