Facebook Pixel
Lunedì 3 Ottobre 2022, ore 11.16
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Scende Wall Street con FED pronta a tollerare recessione

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - In ribasso Wall Street, dopo che ieri sera, come da attese, la Banca centrale americana ha rialzato i tassi di 75 punti base. Il presidente Jerome Powell, nella conferenza stampa post-meeting, ha insistito molto sul concetto che per poter domare l'inflazione occorre pagare il prezzo di una crescita sotto il potenziale per un periodo esteso di tempo. Alla domanda se questo porterà a una vera e propria recessione, il banchiere centrale ha risposto che nessuno sa se vi sarà una recessione e nel caso quanto profonda sarà.

Tra gli annunci societari: Accenture ha fornito una guidance deludente sull'anno fiscale 2023, dopo aver chiuso l'esercizio al 31 agosto 2022 con risultati record e superiori alle stime. FactSet ha registrato ricavi e utili in crescita a doppia cifra nell'anno fiscale 2022. Target ha annunciato che prevede di assumere fino a 100.00 lavoratori stagionali durante le festività natalizie.

Sul fronte macroeconomico, è diminuito in modo significativo e oltre le attese il deficit delle partite correnti americano nel 2° trimestre del 2022. Sono cresciute meno delle attese le richieste di sussidio alla disoccupazione negli USA. Il leading indicator è diminuitoper il sesto mese consecutivo. Gli stoccaggi di gas sono cresciuti più delle aspettative nell'ultima settimana.

Nel settore farmaceutico, Novavax soffre un downgrade di JPMorgan, che ha declassato il titolo a "underweight" da "neutral" citando una domanda ridotta di vaccini. Eli Lilly è invece spinta dall'upgrade di UBS, che ha migliorato la raccomandazione a "buy" da "neutral", citando i probabili vantaggi delle vendite di un farmaco chiave per la perdita di peso.

A New York, si muove sotto la parità il Dow Jones, che scende a 30.117 punti, con uno scarto percentuale dello 0,22%; sulla stessa linea, cede alle vendite l'S&P-500, che retrocede a 3.764 punti. In ribasso il Nasdaq 100 (-1,16%); con analoga direzione, in lieve ribasso l'S&P 100 (-0,45%).

Si distinguono nel paniere S&P 500 i settori sanitario (+0,67%) e energia (+0,59%). Tra i peggiori della lista dell'S&P 500, in maggior calo i comparti beni di consumo secondari (-2,07%), finanziario (-1,43%) e beni industriali (-1,18%).



Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, Merck (+4,03%), Johnson & Johnson (+2,12%), Salesforce (+1,60%) e Amgen (+1,57%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su American Express, che prosegue le contrattazioni a -3,64%.

Sensibili perdite per Boeing, in calo del 2,91%.

In apnea Goldman Sachs, che arretra del 2,32%.

Scivola Walt Disney, con un netto svantaggio dell'1,78%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Activision Blizzard (+1,69%), Amgen (+1,57%), Vertex Pharmaceuticals (+1,25%) e Regeneron Pharmaceuticals (+1,22%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su AirBnb, che prosegue le contrattazioni a -8,53%.

Tonfo di Lucid, che mostra una caduta del 7,97%.

Lettera su Dexcom, che registra un importante calo del 5,60%.

Scende Charter Communications, con un ribasso del 5,37%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.