Facebook Pixel
Lunedì 20 Marzo 2023, ore 17.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati europei chiudono settimana in calo, pesano ancora le banche

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Ennesima giornata negativa per le Borse europee, con Piazza Affari che si conferma tra le peggiori, sulle persistenti tensioni del mondo bancario. Gli interventi delle autorità statunitensi e svizzere non hanno infatti riportato la calma sui mercati, che si mostrano volatili e pronti a reagire a qualsiasi notizia negativa. Nel Vecchio Continente, il focus rimane sulle difficoltà di Credit Suisse, con la banca in crisi e la concorrente UBS che appaiono contrarie a una fusione forzata, anche se le autorità svizzere continuano a lavorare per trovare una soluzione in questo senso.

Le crisi bancarie di SVB e Credit Suisse hanno riportato alla memoria il 2008 anche se lo scenario attuale è totalmente diverso e il settore bancario è molto più forte. "Il rialzo dei tassi di interesse ha fatto sì che il contesto operativo per le banche sia favorevole come non lo era stato per molti anni - fa notare Mark Dowding, CIO di BlueBay - Inoltre, il rischio di controparte è stato mitigato dalla compensazione centralizzata dei derivati e quindi la debolezza di un istituto non dovrebbe minacciare un altro. Tuttavia, la verità è che alla base del settore bancario la fiducia è tutto. Se la fiducia è compromessa, è difficile ripristinarla".

Seduta in lieve rialzo per l'Euro / Dollaro USA, che avanza a quota 1,067. Forte rialzo per l'oro, che segna un guadagno del 2,14%. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 66,61 dollari per barile, con un ribasso del 2,54%.

Lieve peggioramento dello spread, che sale a +185 punti base, con un aumento di 2 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 3,93%.



Tra i mercati del Vecchio Continente scivola Francoforte, con un netto svantaggio dell'1,33%, in rosso Londra, che evidenzia un deciso ribasso dell'1,01%, e spicca la prestazione negativa di Parigi, che scende dell'1,43%.

Pioggia di vendite sul listino milanese, che termina con una pesante flessione dell'1,64%, mentre, al contrario, giornata di guadagni per il FTSE Italia All-Share, che termina la giornata a 28.066 punti. In forte calo il FTSE Italia Mid Cap (-1,86%); con analoga direzione, negativo il FTSE Italia Star (-1,36%).

Dai dati di chiusura di Borsa Italiana, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 3,33 miliardi di euro, in calo del 21,86%, rispetto ai 4,26 miliardi della vigilia; mentre i volumi scambiati sono passati da 1,01 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,82 miliardi.

Unica Blue Chip di Milano a ottenere un buon risultato Saipem, che segna un aumento dell'1,69%.

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Iveco, che ha terminato le contrattazioni a -4,33%.

Sensibili perdite per Telecom Italia, in calo del 4,07%.

In apnea Fineco, che arretra del 4,06%.

Unicredit scende del 3,59%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Webuild (+7,40%), Saras (+3,67%), Salcef Group (+1,91%) e Ariston Holding (+1,40%).

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su El.En, che ha archiviato la seduta a -8,76%.

Tonfo di GVS, che mostra una caduta del 5,22%.

Lettera su MARR, che registra un importante calo del 4,72%.

Scende CIR, con un ribasso del 4,57%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.