Facebook Pixel
Milano 17-apr
0 0,00%
Nasdaq 17-apr
17.493,62 -1,24%
Dow Jones 17-apr
37.753,31 -0,12%
Londra 17-apr
7.847,99 +0,35%
Francoforte 17-apr
17.770,02 +0,02%

IWB, analisti apprezzano resilienza in mercato del vino complesso

Finanza, Consensus
IWB, analisti apprezzano resilienza in mercato del vino complesso
(Teleborsa) - Gli analisti sono moderatamente positivi sul titolo Italian Wine Brands (IWB), gruppo vinicolo quotato su Euronext Growth Milan, dopo che ieri sera ha comunicato di aver chiuso il 2023 con vendite business pari a complessivi 428,9 milioni di euro (in linea con i corrispondenti ricavi 2022) e ricavi totali pari a 429,1 milioni di euro (rispetto a 430,3 milioni pro-forma al 31/12/2022).

TP ICAP Midcap, che ha un rating Buy e un target price di 37,5 euro per azione, parla "resilienza in un mercato del vino complesso". In particolare ha evidenziato che queste performance arrivano in un mercato del vino molto complesso, influenzato da diversi fattori, tra cui una diminuzione del consumo, un calo delle esportazioni, condizioni meteorologiche imprevedibili e una diminuzione del 12% nella produzione per i vigneti italiani.

Banca Akros, che ha un rating Buy e un target price di 28 euro per azione, ha affermato che - nonostante le vendite deboli - l'azienda è stata chiara nel comunicare che con questi risultati, grazie al calo dei costi di imballaggio e alla mancanza di inflazione delle materie prime grazie all'eccesso di vino detenuto dai produttori, può fornire la parte più alta della guidance (EBITDA a 40-44 milioni, utile netto a 15-18 milioni di euro) ed è fiduciosa che vi sia una solida generazione di cassa".

CFO SIM, che ha un rating Buy e un target price di 33 euro per azione, ha evidenziato che - nonostante un mercato di riferimento in calo e che risente della riduzione dei consumi di vino a causa dell'impennata dell’inflazione, IWB ha confermato la sua forza grazie alla diversificazione geografica e alla presenza in tutti i canali distributivi con un portafoglio prodotti estremamente vasto, conquistando conseguentemente quote di mercato.

Equita, che ha un rating Hold e un target price di 23,5 euro per azione, ha alzato le stime 2023 (EBITDA +4% a 42,6 milioni di euro, utile netto +5%), migliorando anche la NFP (-105 milioni vs. prec. -113 milioni). Per il 2024 la revisione è più contenuta (EBITDA e utile netto alzati del 2%) in quanto viene ipotizzato uno scenario di top line più prudente (-1% YoY vs. prec. +3% YoY), considerando il minore supporto atteso dai prezzi e le incertezze sui volumi nell’attuale contesto dei consumi, che la società cercherà comunque di mitigare con recenti iniziative commerciali.

(Foto: Hermes Rivera su Unsplash)
Condividi
```