Facebook Pixel
Milano 17-apr
33.632,71 0,00%
Nasdaq 17-apr
17.493,62 -1,24%
Dow Jones 17-apr
37.753,31 -0,12%
Londra 17-apr
7.847,99 0,00%
Francoforte 17-apr
17.770,02 0,00%

Mercato immobiliare, Banca d'Italia: frena la dinamica dei prezzi delle case ma la domanda resta debole

Economia
Mercato immobiliare, Banca d'Italia: frena la dinamica dei prezzi delle case ma la domanda resta debole
(Teleborsa) - In base alla consueta indagine trimestrale condotta dalla Banca d'Italia – Sondaggio congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia – che ha coinvolto 1.501 agenti immobiliari dall'8 gennaio al 5 febbraio, il mercato dell'immobiliare residenziale è rimasto sostanzialmente stabile in Italia nel quarto trimestre, con la domanda che resta debole e la quota di agenzie che riescono a vendere almeno una abitazione in calo. Il principale fattore frenante resta nelle condizioni di finanziamento inasprite dai rialzi dei tassi dal della BCE: in un caso su tre la difficoltà a reperire un mutuo la causa prevalente di cessazione dell'incarico a vendere e la percentuale di acquisti finanziati con mutui risulta ai minimi storici. Al tempo stesso secondo gli operatori vi sono segnali di possibile miglioramento in questo inizio d'anno.

Il mercato delle locazioni resta teso: le pressioni al rialzo sui canoni sono sostenute da una domanda robusta e da un calo dell'offerta, in parte connessa alla preferenza dei proprietari per affitti brevi. Secondo la Banca d'Italia, nel IV trimestre, sulla base delle valutazioni degli agenti immobiliari, la dinamica congiunturale dei prezzi delle abitazioni si sarebbe attenuata. Sono prevalsi i giudizi di stabilità (espressi dal 65 per cento degli agenti), mentre la percentuale di operatori che hanno riportato un aumento delle quotazioni ha continuato a ridursi, scendendo al 9 per cento, circa 15 punti percentuali in meno rispetto al massimo registrato nel primo trimestre del 2022, a fronte di un 25 per cento di operatori che rilevano una diminuzione.

Nel complesso, lo sconto medio, rispetto alle richieste iniziali del venditore, resta ancora contenuto e pari all'8,6 per cento, 5 punti percentuali inferiore alla media pre-pandemia ma in linea con i valori degli ultimi trimestri. Circa un terzo degli agenti ha tuttavia indicato uno sconto superiore, fra il 10 e il 30 per cento. Il tempo trascorso tra l'affidamento dell'incarico e la vendita è rimasto appena sopra il minimo registrato dall'inizio della rilevazione nel primo trimestre del 2023.

La quota di agenzie che hanno venduto almeno un'abitazione è diminuita rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente per il quarto trimestre consecutivo, restando tuttavia ancora su livelli ben superiori alla media pre-pandemia (87 per cento a fronte del 72 nel periodo 2012-2019 e dell'81 nel terzo trimestre). Sempre rispetto al periodo corrispondente del 2022, si legge nel rapporto, è aumentata la percentuale di operatori per i quali è salito il numero di incarichi inevasi fra il III e il IV trimestre dell'anno, pur rimanendo assai inferiore della quota di quelli per cui è diminuito.
Condividi
```