Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 00.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Macron trade

Qualcosa di più della solita falsa partenza europea

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4 »

Sul piano economico l'Europa sta godendo dei benefici derivanti dall'avere abbandonato la sua ricetta, l'austerità, e dall'avere adottato, con due-tre anni di ritardo, la strada americana. La migliore performance relativa dell'Europa quest'anno (e probabilmente anche il prossimo) non deriva dalla superiorità del suo modello ma dall'avere adottato quello che ha avuto successo in America. Chi è sano fa fatica a essere ancora più sano, chi è malato può invece migliorare molto se si cura come si deve.

Cattedrali d'Europa. ColoniaGli spazi per il Macron trade sono buoni, ma, esattamente come abbiamo visto con il Trump trade quando tassi e dollaro a un certo punto sono entrati in collisione con la borsa, euro e borsa saranno in competizione tra loro per chi si accaparrerà la fetta più grossa, mentre l'obbligazionario di qualità soffrirà, anche se non drammaticamente.

In ogni caso l'euro è sottovalutato rispetto al dollaro, lo spread tra Bund e Treasuries è eccessivo e una borsa europea che capitalizza 11 trilioni non si concilia con una borsa americana che ne capitalizza 26. Tutto si dovrà normalizzare, con un euro più forte, Bund più deboli e borsa più alta.

Per chi sta sui mercati il problema sarà quello di capire se e quando lo scorpione che aveva promesso di non mordere la rana inizierà di nuovo a morderla. Se e quando, cioè, la politica fiscale e monetaria dell'Europa tornerà ad essere europea, ovvero tedesca. Se e quando, in altre parole, torneremo a sentire parlare di austerità e troika (riverniciate da ministro unico delle finanze e Esm) sul piano fiscale, di euro forte sul piano valutario e di tassi più alti, a Qe terminato, quando nel 2019 Weidmann prenderà il posto di Draghi.
« 1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.