Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 21 Novembre 2017, ore 16.49
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Plus ça change

Alla fine è ancora Goldilocks a regnare incontrastata

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »

La piccola Goldilocks dai riccioli d’oro gira per la foresta e trova la casa vuota di tre orsi scapoli. Vede tre ciotole di porridge sul tavolo. Una è troppo calda, una è troppo fredda e la terza è tiepida e perfetta. Poi prova una sedia, ma è troppo dura, ne prova un’altra troppo soffice e infine una terza che va bene. Poi le viene sonno e cerca un letto. Il primo è troppo duro, il secondo è troppo morbido ma il terzo va benissimo e ci si addormenta sopra. Mentre dorme arrivano però gli orsi. Lei si sveglia e scappa dalla finestra. Non la si rivedrà mai più.

La favola originale di Goldilocks del 1837 è tutta qui. Ha infinite varianti e infinite interpretazioni ma continua a piacere ai bambini e ai mercati. Ai bambini piacciono lo schema ripetitivo e il brivido del proibito dell’entrare in casa d’altri facendoci i propri comodi e dell’essere sorpresi in una situazione discutibile riuscendo comunque a farla franca. Ai mercati piace la parte delle tre ciotole e la scelta di quella tiepida (crescita moderata con inflazione moderata). I mercati sanno che un giorno arriveranno gli orsi a mettere fine al gioco ma, come Goldilocks, non se ne curano e intanto si godono il porridge, la sedia e il letto perfetto per rilassarsi e ritemprarsi.

L’orso Trump era sembrato turbare la piacevole avventura portando troppa crescita e troppa inflazione. Certo, la crescita in più sarebbe piaciuta alla borsa, ma avrebbe portato a tassi più alti e avrebbe fatto cadere i bond. La Fed prima o poi avrebbe stretto troppo e la crescita eccessivamente forte si sarebbe trasformata in recessione. Ora che a Trump sono state tagliate le unghie si può tornare a dormire e a fare sogni piacevoli, come quello del taglio delle tasse, che magari arriverà solo fra un anno e non sarà gran cosa, ma sarà comunque gradito.

(Nella foto: Troppo calda, troppo fredda, perfetta)
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.