Facebook Pixel
Milano 24-lug
34.472 0,00%
Nasdaq 24-lug
19.032 -3,65%
Dow Jones 24-lug
39.854 -1,25%
Londra 24-lug
8.154 0,00%
Francoforte 24-lug
18.387 0,00%

Redditometro, spesa pubblica ed il miraggio della "razionalità"

Il governo recentemente aveva promosso una forma di controllo dell'evasione fiscale tramite una misura definita redditometro come misuratore del reddito desumibile da un sistema di controllo sui consumi; non è stato possibile capire le strategie di rilevazione dei consumi, certamente non a tappeto, ma secondo un sistema random. Si è formato un contradditorio che ha portato alla sua sospensione applicativa ma è evidente che il sistema di controllo, non solo delle entrate ma anche delle uscite, è di fatto un colabrodo anche perché diventa sempre difficile risalire alle responsabilità di governo delle stesse.

Il problema delle entrate e dell'evasione fiscale è centrale nel nostro paese e si è sempre cercato di porvi rimedio con modalità e forme che non hanno dato i risultati attesi e sperati. Accanto al problema dell'evasione fiscale abbiamo l'evasione delle spese, se si può usare lo stesso termine, troppe spese non controllate per la mancanza di un'idonea regolamentazione e per la difficoltà, anche in questo caso, di risalire alle responsabilità hanno contribuito ad allargare il debito pubblico non meno delle mancate entrate fiscali.

Il controllo va posto sulle entrate ma in uguale misura sulle uscite perché i due processi sono correlati ed interdipendenti frutto di collusioni, mancanza di controllo e di responsabilità di difficile individuazione. Le entrate contribuiscono alle entrate pubbliche ed alla diminuzione del debito quindi chi versa vuole avere una chiara trasparenza (accountability) delle modalità con cui vengono usate le entrate e questo richiede una doppia responsabilità da parte di chi chiede e paga rispetto a chi usa e come le risorse pubbliche raccolte; questo è l'eterno conflitto tra il nord ed il sud con accuse reciproche che in mancanza di un trasparente controllo generano conflitti e scontri perenni.
Condividi
"
Altri Top Mind
```