Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 25 Giugno 2019, ore 07.22
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati in ordine sparso: Londra corre sola, Piazza Affari meno

Si riunisce la Federal Reserve. La Brexit torna in Parlamento

Commento, Finanza ·
(Teleborsa) - Prevale prudenza tra le principali borse europee, nel giorno in cui la Brexit torna in Parlamento con la premier britannica Theresa May, che rischia di perdere il timone delle trattative sull'uscita della Gran Bretagna dall'Ue. Ad aggiungere il nervosismo tra gli investitori sono le difficili relazioni tra Stati Uniti e Cina che, nel frattempo, hanno subito un contraccolpo dopo le accuse rivolte dalla giustizia americana al gigante tech cinese Huawei.

Sul mercato Forex, l'Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,144. Oggi inizia la riunione di politica monetaria della Federal Reserve che terminerà domani con l'annuncio sui tassi di interesse negli USA. L'attenzione degli addetti ai lavori resta concentrata anche sulla stagione delle trimestrali: con in agenda i conti delle quattro big tech americane: Facebook, Apple, Amazon e Microsoft. Lieve aumento per l'oro, che mostra un rialzo dello 0,39%. Segno più per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento dello 0,81%.

Invariato lo spread, che si posiziona a +244 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta al 2,65%. Oggi penultima asta del mese con il Tesoro che offre BOT semestrali per 6,5 miliardi di euro.

Nello scenario borsistico europeo Francoforte, riporta un -0,10%. Bilancio decisamente positivo per Londra, che vanta un progresso dell'1,14%. Si muove in modesto rialzo Parigi, evidenziando un incremento dello 0,44%. Poco mosso il listino milanese, con il FTSE MIB che si attesta sui valori della vigilia a 19.608 punti.

Si distinguono a Piazza Affari i settori vendite al dettaglio (+1,17%), utility (+1,00%) e sanitario (+0,59%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti tecnologia (-0,85%) e bancario (-0,73%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, vola ancora Azimut, con una marcata risalita del 2,26% dopo la brillante performance della vigilia.

Buona performance per Italgas, che cresce dell'1,24%. Sostenuta Enel, con un discreto guadagno dell'1,12%. Buoni spunti su Snam, che mostra un ampio vantaggio dell'1,12%.

I più forti ribassi, invece, si verificano sulle banche: Banco BPM, -1,83%; UBI Banca, -1,68%; Unicredit, -1,34%, quest'ultima alle prese con lo smaltimento di 3 miliardi di NPL.

Preda dei venditori Juventus, con un decremento dell'1,01% su prese di profitto dopo la recente corsa.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Danieli (+3,41%), Banca Ifis (+1,82%), MARR (+1,65%) e Salini Impregilo (+1,62%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Piovan, -2,28%. Ancora vendite su De' Longhi, che registra un ribasso dell'1,71%.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.