Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Domenica 22 Settembre 2019, ore 15.14
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Trump, Apple e Google nel mirino per affari con la Cina

Il Presidente Usa avvisa su rischi sicurezza e dazi

Economia ·
(Teleborsa) - Stavolta è toccato a Google e Apple finire nel mirino, sempre piuttosto affollato, di Donald Trump.

A tirare in ballo Mountain View, qualche giorno fa, ci aveva pensato il miliardario cofondatore di PayPal, Peter Thiel, considerato vicino a Trump, che aveva addirittura invitato l'Fbi e la Cia a indagare per verificare se in Google si siano "infiltrate" spie cinesi. Subito dopo il Tycoon aveva promesso di "dare un'occhiata" al caso Google.

Sulla questione era intervenuto anche il Segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, sostenendo di aver approfondito la questione con Trump, non rilevando alcun motivo di preoccupazione per la sicurezza nazionale negli affari di Google in Cina. "Il lavoro di Google in Cina è molto, molto marginale", aveva fatto sapere.

"Potrebbe esserci o non esserci un problema di sicurezza nazionale riguardo a Google e ai suoi rapporti con la Cina. Se c'è un problema, lo troveremo. Sinceramente spero che non ci sia!", ha scritto oggi il Presidente statunitense tornando, dunque, sull'argomento.

Dazi, nessuna esenzione a Apple, "produca in Usa" - Ma non è finita qui: lo sfogo di Trump ha raggiunto anche gli uffici di Cupertino, messa in guardia sui dazi: "Apple non riceverà esenzioni tariffarie o riduzioni per i componenti del Mac Pro che sono fatti in Cina – scrive ancora su Twitter – Fateli negli Usa, niente dazi".

Di recente, la società di Cupertino - nonostante le crescenti tensioni commerciali tra i due Paesi - ha spostato la produzione dei suoi Mac Pro dagli Stati Uniti alla Cina, mettendo sotto contratto Quanta Computer per la produzione del Mac Pro, l'unico, tra i suoi principali dispositivi, ancora prodotto negli Stati Uniti.
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.