Facebook Pixel
Domenica 29 Gennaio 2023, ore 22.43
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Mercati in rosso, petrolio a minimi 2021

Settimana all'insegna di banche centrali e nuovi dati macro

Commento, Finanza, Spread ·
(Teleborsa) - Il bilancio si conferma negativo a metà giornata per le principali borse europee penalizzate dalle incertezze innescate dalle proteste in Cina con la richiesta delle dimissioni del presidente Xi di fronte alle dure misure decise anti-Covid. Sulla scia delle tensioni nel paese peggiora anche prezzo del petrolio che scivola ai minimi dal 2021.

Sullo sfondo il focus degli operatori resta concentrato sulle banche centrali: nel primo pomeriggio (15:00) è atteso il discorso della governatrice della BCE, Christine Lagarde, mentre in serata, alle 18:00 ora italiana, interverranno due componenti del Fomc della Fed, Bullard e Williams.

Sul mercato valutario, segno più per l'Euro / Dollaro USA, che mostra un aumento dello 0,79%. Nessuna variazione significativa per l'oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.757,8 dollari l'oncia. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 73,98 dollari per barile, in netto calo del 3,02%.



In salita lo spread, che arriva a quota +195 punti base, con un incremento di 6 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,92%.

Nello scenario borsistico europeo spicca la prestazione negativa di Francoforte, che scende dello 0,93%, tentenna Londra, con un modesto ribasso dello 0,39%; Parigi scende dello 0,85%. Segno meno per il listino milanese, in una sessione caratterizzata da ampie vendite, con il FTSE MIB che accusa una discesa dell'1,00%; sulla stessa linea, si muove in retromarcia il FTSE Italia All-Share, che scivola a 26.476 punti.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, buoni spunti su Leonardo, che mostra un ampio vantaggio dell'1,98%.

Iveco avanza dello 0,86%.

Si muove in modesto rialzo Unicredit, evidenziando un incremento dello 0,78%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Tenaris, che ottiene -3,21%.

Calo deciso per Saipem, che segna un -2,74%.

Sotto pressione A2A, con un forte ribasso dell'1,93%.

Soffre ENI, che evidenzia una perdita dell'1,86%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Caltagirone SpA (+1,80%), Intercos (+0,67%) e Ferragamo (+0,62%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Saras, che prosegue le contrattazioni a -5,83%.

Preda dei venditori Pharmanutra, con un decremento del 2,84%.

Si concentrano le vendite su IREN, che soffre un calo del 2,73%.

Vendite su CIR, che registra un ribasso del 2,62%.

Tra gli appuntamenti macroeconomici che avranno la maggiore influenza sull'andamento dei mercati:

Lunedì 28/11/2022
10:00 Unione Europea: M3, annuale (atteso 6,2%; preced. 6,3%)

Martedì 29/11/2022
01:30 Giappone: Tasso disoccupazione (preced. 2,6%)
01:50 Giappone: Vendite dettaglio, annuale (atteso 4,1%; preced. 4,8%)
09:00 Spagna: Prezzi consumo, mensile (preced. 0,3%)
09:00 Spagna: Prezzi consumo, annuale (preced. 7,3%).

Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.