Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 27 Febbraio 2020, ore 12.22
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Situazione aperta

Opportunità d'acquisto, inizio di bear market o semplice normalità?

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4
Un’altra complicazione è Ebola. In certi momenti, vedendo l’approssimazione della risposta delle autorità e degli esseri umani in generale, viene davvero da preoccuparsi. Gli animalisti spagnoli che si sono opposti alla soppressione di un cane forse infetto ricordano tanto il Brad Pitt delle Twelve Monkeys (che nel film provoca la quasi estinzione del genere umano). In altri momenti si vedono invece le cose nelle loro attuali limitate proporzioni e ci si calma. È chiaro comunque che Ebola è, per i mercati, una variabile totalmente incontrollabile.

Provando a sintetizzare, il quadro attuale appare molto aperto. Bastano una ripresa della produzione industriale tedesca (ben possibile, come abbiamo visto), un Qe europeo fatto di Abs (potenzialmente 1.2 trilioni, dice Constancio, pari a un trilione e mezzo di dollari, molto più del Qe3 americano che sta per terminare) e un Ebola che fa parlare meno di sé per dare un buono spazio a nuovi massimi di borsa nel prossimo periodo. Un’Europa che litiga, una BCE con il freno a mano tirato, un’industria tedesca che non si riprende e un’Ebola che non si ferma possono invece fare pendere la bilancia dal lato opposto, anche pesantemente.

Traversata della Mer de GlaceSiamo abbastanza fiduciosi sull’Europa. Le politiche fiscali sono di nuovo leggermente espansive (grazie alla ribellione francese) e la Germania si farà volentieri mettere in minoranza nella BCE, accettando un Qe teologicamente meno impuro di quello americano. Su Ebola, naturalmente, non sappiamo nulla.

In pratica manteniamo il profilo favorevole al dollaro e all’equity, ma con l’idea di alleggerire l’azionario (non il dollaro) nei momenti in cui l’alta volatilità lo riporta vicino ai massimi.

Ebola a parte, un mercato che sale e che scende e che pende un po’ meno dalle labbra e dalla volontà politica delle banche centrali non è altro, come nota Richard Pzena, che un mercato che sta diventando più normale.


Vedi anche:

Un debito enorme e ingestibile pesa sulle banche globali
Fed, si intravede l'orso sul mercato obbligazionario
JP Morgan apre l'earning season delle big bank USA

L'Ebola costerà all'Africa fino a 32 miliardi di dollari

« 1 2 3 4
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.