Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 27 Febbraio 2020, ore 11.16
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Situazione aperta

Opportunità d'acquisto, inizio di bear market o semplice normalità?

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
« 1 2 3 4 »
Goldilocks senza inflazione è piacevolmente sicuro come camminare lungo il fiume che ha scavato la valle. Per contro, avere mezzo mondo che cresce molto e forse va frenato e l’altro mezzo che sembra sprofondare senza rimedio nelle sabbie mobili della deflazione dà una sensazione di vertigine.

Ci sono poi altri fattori che complicano ulteriormente il quadro.

Caspar David Friedrich. Le scogliere di calcare di RugenIl primo è che i dati macro non sono di facile lettura. L’inflazione salariale americana, l’elemento più importante nelle scelte sui tassi della FED, è straordinariamente mite in alcune statistiche (quelle del Dipartimento del Lavoro) ed è invece vivace e in crescita in altre, come ad esempio quelle raccolte da Adp. Le prime hanno il peso dell’ufficialità, ma sono vecchie e superate nel disegno. Le seconde, quelle di Adp, sono qualitativamente migliori, ma hanno un seguito minore. La FED si basa sulle prime, che supportano la scelta politica di tenere i tassi a zero, ma sa che ci può essere del vero anche nelle seconde.

Un altro dato di difficile lettura è quello sulla pesante caduta della produzione industriale tedesca. Si è sempre saputo che da Italia e Francia non c’è da aspettarsi molto, si è capito da tempo che la storia della ripresa europea è molto ottimismo della volontà e poco realtà effettiva. Nessuno però aveva finora messo in discussione la tenuta della Germania e la sua capacità di fronteggiare la riduzione del mercato russo prodotta dalle sanzioni.

Se cade la Germania, si sono detti i mercati, cade l’Europa e se cade l’Europa, accompagnata da Cina, Giappone, Brasile e Russia che non stanno tanto bene, rischia di affievolirsi anche l’America. Addio rialzo azionario.
« 1 2 3 4 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.