Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 18 Luglio 2019, ore 01.27
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Crescita zero & prosciutto sugli occhi

Il deficit non serve a rilanciare l’economia ma a pagare gli interessi sul debito

« 1 2
Per stabilizzare il rapporto debito/PIL, sarebbe necessario che la crescita del PIL in termini nominali (crescita reale + inflazione) fosse pari al deficit. Se il deficit per il 2016 è pari al 2,3% del PIL, e questo deficit si va a sommare al debito che alla fine dell'anno precedente era pari a circa il 133% del PIL, la stabilizzazione del rapporto debito/PIL richiede che il PIL nominale (il denominatore del rapporto debito/PIL) cresca della stessa percentuale (+2,3%). Ma se il PIL nominale non cresce almeno del 2,3%, perché il PIL reale rallenta e la inflazione tende a zero, il rapporto debito/PIL peggiora.

Nonostante l'onere degli interessi sul debito pubblico stia diminuendo per via degli interventi della BCE attraverso gli acquisti di titoli pubblici con il Quantitative Easing, che ha determinato la riduzione degli spread, l'Italia ha ancora un onere pesantissimo di interessi sugli oltre 2.200 miliardi di euro di debito pubblico accumulato.

Dopo la svalutazione del '92, eravamo riusciti con grandi sacrifici a ridurre gradatamente l'incidenza del debito sul PIL, fino al 2008. Poi con la crisi, e soprattutto con la recessione causata nel 2012-2013 dalle manovre fiscali che avrebbero dovuto stabilizzare le finanze pubbliche, il rapporto debito pubblico/PIL è tornato a salire.

Lo Stato italiano spende annualmente per gli interessi sul debito pubblico una somma pari almeno al doppio, se non al triplo, di quella che destina agli investimenti.

L'Italia si dissangua da vent'anni per pagare i Rentier di tutto il mondo: tra il 1993 ed il 2013 ha pagato interessi per 1.650 miliardi di euro, rispetto ad un PIL che nel 2013 era di soli 1.365 miliardi.

E poi ci si domanda come mai l'economia italiana non cresce. Tenendosi, naturalmente, gli occhi ben coperti da spesse fette di prosciutto.
« 1 2
Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.