Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 7 Dicembre 2019, ore 07.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Come uscire dalla crisi europea

Vincenzo Russo
Vincenzo Russo
Ordinario di Scienza delle Finanze presso l'Università La Sapienza, Roma. Autore del blog enzorusso2020
« 1 2 3 4 5

In realtà la proposta del prof. Guarino è più complessa. Egli propone in primo luogo una prima aggregazione dei quattro paesi euro mediterranei con una loro moneta comune e governo politico della stessa, senza la Francia; una seconda aggregazione con la Francia; in terzo luogo, una riaggregazione di tutti i paesi dell'attuale eurozona. Personalmente non sono contrario alla geometria variabile considerate le diversità strutturali che caratterizzano le economie dei diversi paesi europei. I problemi di fondo restano quelli di aggregazioni di economie con strutture economiche simili che consentono il migliore funzionamento di un'area valutaria ottimale e che prevedano anche trasferimenti compensativi in caso di shock esterni. Di certo, il sistema si complicherebbe non poco. Non ultimo, non è chiaro come queste diverse aree monetarie all'interno dell'Unione a 28 si concilierebbero con il regime generale di piena libertà dei movimenti di capitale e di concorrenza fiscale senza provocare tensioni probabilmente esplosive.

Per questi motivi, a me sembra più realistica la proposta di riformare i Trattati per colmare i vuoti di potere al centro, riformare lo statuto della BCE e modificare sostanzialmente le regole di bilancio che fin qui hanno impedito di conciliare la stabilizzazione con il sostegno alla crescita del reddito e dell'occupazione. Mi rendo conto che la revisione dei Trattati può richiedere tempi lunghi, ma è un fatto che l'Italia ha perso ben dieci mesi a cercare qualche margine di flessibilità rispetto alle regole rigorose del Patto di stabilità mentre, avrebbe dovuto chiedere subito la introduzione della deroga (golden rule) per indebitarsi e finanziare un piano di investimenti pubblici. Infine , senza illudersi che questa proposta possa essere risolutiva perché il vero problema è e resta squisitamente politico. Per cambiare politica economica generale dell'Unione non bastano le modifiche ad alcuni meccanismi tecnici, serve il rovesciamento della maggioranza di centro-destra pervicacemente legata alle stolte politiche di austerità che tanti danni e sofferenze hanno inflitto alle popolazioni dei paesi euromed. Forse non è un caso che proprio da questi paesi stanno emergendo delle novità politiche significative – vedi il caso Podemos in Spagna e quello di Syriza in Grecia - che potrebbero dare maggior forza e consenso alla proposta.

« 1 2 3 4 5
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.