Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 9 Dicembre 2019, ore 11.07
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

La sorpresa

E se l'economia globale stesse per riaccelerare?

Alessandro Fugnoli
Alessandro Fugnoli
Strategist ed esperto in economia, fa parte dal 2010 del team Kairos Partners SGR come responsabile de "Il Rosso e il Nero"
1 2 3 »
Volendo fare un bilancio della prima metà del 2019, l'aspetto più clamoroso non va ricercato nella realtà sottostante. Dopotutto, l'andamento dell'inflazione e della crescita che abbiamo visto non si discosta molto dalle stime che circolavano in dicembre. Lo stesso si può dire degli utili delle società quotate.

Quello che è cambiato radicalmente è l'atteggiamento delle banche centrali. Alla fine dell'anno scorso erano ancora orientate su una linea di normalizzazione della politica monetaria, tanto che la Fed, in dicembre aveva ancora alzato i tassi nonostante il coro di critiche. Oggi, al contrario, sono tutte quante orientate verso politiche aggressivamente espansive. La discussione non è sul se ma sul quanto tagliare. Perfino il Quantitative easing, che era stato riposto in naftalina per la prossima recessione, immaginata lontana nel tempo, si prepara a ritornare in scena, quanto meno in Europa.

Perché questo affannarsi per sostenere una crescita che non è poi molto diversa da quella che ci si aspettava? Ufficialmente la ragione sta nell'inflazione o, meglio, nelle aspettative d'inflazione per i prossimi anni. Queste aspettative (di mercato) sono scese continuamente, nel corso dei sei mesi passati, e si sono disancorate, come si suol dire, dagli obiettivi ufficiali delle banche centrali. Questi obiettivi, a loro volta, sono stati rivisti verso l'alto con l'adozione del cosiddetto targeting simmetrico e l'intenzione di compensare con inflazione aggiuntiva quella che non si è verificata negli anni passati.

In realtà la ragione vera del mutamento di indirizzo delle banche centrali va cercata nella maggiore fragilità e incertezza del quadro generale. Le guerre commerciali, al momento ritornate a essere guerre di posizione, possono teoricamente riaprirsi in qualsiasi momento e Brexit è sempre più vicina. Poiché è diffusa l'idea che non siamo abbastanza preparati per una eventuale recessione, quello che si può fare è cercare in tutti i modi di evitarla. Da qui l'orientamento sempre più aggressivamente espansivo.
1 2 3 »
Altri Top Mind
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.