Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 20 Ottobre 2017, ore 03.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Prima ci votate, poi le bastonate!

Patrimoniale, pensioni, scuole e sanità tagliate...

Guido Salerno Aletta
Guido Salerno Aletta
Editorialista dell'Agenzia Teleborsa

Il peggio deve arrivare. Basta poco, non abbiate fretta. Prima delle elezioni vi fanno le solite smorfie, vi mandano i bacini della buona notte, ma non si nascondono dietro le solite promesse da marinaio.

Chiacchiere, solo chiacchiere. Nient'altro che chiacchiere.

Ci hanno pensato solo a sinistra, i duri e puri di sempre, Visco e Prodi, ad annunciare la necessità di rimettere la tassa sull'eredità e, naturalmente, una patrimoniale sugli immobili per tagliare il debito pubblico. Si devono rifare la verginità con i mercati, dopo tanti anni trascorsi a chiedere la flessibilità sul deficit, con il debito che ha superato il 131% del PIL.

A Destra neppure ne parlano: silenzio di tromba!

Sono tutti ammutoliti, chiedono voti per andare al governo, arrampicandosi sugli specchi: c'è chi se la prende ancora con i vitalizi dei vecchi deputati e senatori per risparmiare quattro soldi; chi annaspa tra la ricerca di alleanze più ampie, la fedeltà alla Ditta ormai irriconoscibile ed i proclami contro il populismo che avanza; chi si è dimagrito, ha rimesso il doppiopetto di vent'anni prima, senza capire che il mondo è cambiato.

E ci frastornano, un giorno dopo l'altro, con i dati statistici: prima c'è l'indice di fiducia, poi quella dei fatturati, quindi quello dei consumi, e poi c'è l'inflazione, l'andamento dell'export, la produzione e gli ordini, i prezzi degli immobili, l'andamento del credito, i tassi di cambio che salgono e scendono come gli orli delle sottane. E non parliamo poi dei dati sull'occupazione, che ballano la rumba per via dei disincentivati, dei poco motivati, e soprattutto dei soliti nullafacenti. Lasciamo stare poi gli immigrati, arrivati a centinaia di migliaia, che non entrano neppure nelle statistiche dell'occupazione.

E' una Europa manicomiale, quella che ci si presenta: ad Est, non hanno nessuna voglia di fare assistenzialismo, anzi i reduci del Comunismo ne reclamano ancora; in Gran Bretagna hanno altro che pensare, con la Brexit che fa un passo in avanti, due di lato e tre all'indietro; la Francia è alla resa dei conti, con un Presidente che vuole imitare contemporaneamente Margareth Thatcher, Charles De Gaulle, Francois Mitterand, Tony Blair e naturalmente Monsieur de La Palice; in Germania, l'accoppiata tra CDU-CSU e SPD ha preso una tramvata micidiale, con il peggior risultato elettorale di sempre. In Spagna siamo alle prese con il referendum indipendentista della Catalogna.

Insomma, invece di capire che l'Europa è un Continente che sta implodendo, ci si continua a gingillare, parlando di sovranità condivise, di eserciti messi in comune, di partiti transnazionali e di studenti che parlano due lingue.

Per quanto riguarda l'Italia, c'è poco da dire: appena dopo il voto, chiunque andrà al governo, ricomincerà la sarabanda dei mercati, con il debito pubblico sotto pressione. E via, giù tasse e tagli: dalla patrimoniale sugli immobili alle imposizioni sulle eredità, dalle pensioni che verranno dimezzate alla sanità pubblica che sarà messa al bando. Un manicomio.

L'avete voluta l'Europa? Tenetevela!

Altri Editoriali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.