Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 20 Settembre 2018, ore 21.58
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

123 / 2018: le minacce per le nostre aziende

Concentriamo l'attenzione sulle principali minacce che potrebbero attendere al varco la nostra economia e le nostre imprese

Andrea Ferretti
Andrea Ferretti
Economista e giornalista economico, docente al Corso di "Gestione delle Imprese Familiari" presso l'Università di Verona; collabora con l'Università Parthenope di Napoli e Roma 3 sugli Accordi di Basilea.
1 2 »

Dopo aver gettato un'occhiata generale allo scenario economico-finanziario del nostro Paese (vedi Il punto sulla crisi n. 122 “Economia italiana: uno sguardo di inizio anno”), è forse opportuno concentrare ora l'attenzione sulle principali minacce che potrebbero attendere al varco la nostra economia e, segnatamente, le nostre imprese.

La prima di queste minacce
è probabilmente costituita dagli effetti che le nuove “linee guida”, varate dalla BCE per garantire un drastico smaltimento del credito deteriorato, potranno avere sul tessuto produttivo. In particolare, destano notevole apprensione le proposte contenute nel cosiddetto Addendum che prevedono che i crediti deteriorati, qualora garantiti, debbano essere totalmente coperti dalle banche con accantonamenti entro 7 anni dalla loro entrata nello status di Non Performing Loans (NPL).

Per i crediti non supportati da garanzie reali, invece, detto periodo verrebbe drasticamente ridotto a soli due anni. Da evidenziare, per correttezza, che l'Addendum non interviene sulla copertura dello stock di NPL oggi in essere, ma sulle esposizioni, presenti e future, che dovessero assumere lo status di credito deteriorato dopo una data ancora da definire.

Ora, il problema è che queste proposte sembrano evidenziare, in linea generale, importanti punti di criticità. Ad esempio, in una fase economica caratterizzata da una crescita ancora non consolidata, interventi draconiani sulla regolamentazione dei crediti deteriorati possono impedire ai sistemi bancari dei Paesi più in affanno di supportare il tessuto produttivo. Infatti, automatismi quali quelli proposti dalla vigilanza possono comportare per le banche ulteriori accantonamenti e ulteriori richieste di patrimonializzazione incidendo, di conseguenza, sui flussi creditizi diretti alle aziende sia in termini di quantità che di costo del credito.

Se poi guardiamo alla nostra situazione, ci si accorge agilmente che le conseguenze delle nuove normative di vigilanza potrebbero essere più gravose per l'Italia che per gli altri Paesi. E questo per almeno 3 ordini di motivi.

Il primo riguarda il nostro PIL: sicuramente la crescita si va consolidando, ma, come ci ricorda la Commissione Europea, siamo ancora "in una fase di scatto leggero con prospettive di crescita moderate". Comunque sia, rimane il fatto che cresciamo di più, ma sempre molto meno di tutti i principali partner europei.

Il secondo riguarda, invece, l'entità del fardello di credito deteriorato. Infatti, secondo i dati EBA al settembre 2017, l'Italia, nonostante gli importanti passi in avanti, ha ancora un rapporto NPL/impieghi pari al 12,2% contro una media europea del 4,2%. Peggio di noi solo la Grecia al 47% ed il Portogallo al 17%.

Il terzo aspetto riguarda invece il nostro sistema giudiziario ed il meccanismo fallimentare. L'ipotesi, prevista nell'Addendum, che un credito non garantito abbia un valore nullo dopo due anni dall'entrata nello status di deteriorato e che, quindi, debba essere integralmente coperto in quest'arco temporale con accantonamenti desta notevoli perplessità. O meglio, si tratta di una ipotesi sicuramente accettabile in altri Paesi europei, ma estremamente penalizzante per l'Italia. Infatti, le nostre serie storiche evidenziano percentuali di recupero dei crediti deteriorati di tutto rispetto, ma ottenute in tempi dilatati a causa dei malfunzionamenti del nostro apparato giudiziario/fallimentare.

Ora, è vero che questo è un problema che va risolto in Casa Italia, ma è anche vero che le norme di recente individuate (patto marciano, pegno non possessorio, riforma fallimentare, etc) possono dispiegare i propri effetti solo nel medio termine. Al contrario, l'impatto delle nuove normative di vigilanza sul sistema bancario e su quello imprenditoriale è pressoché immediato.
1 2 »
Altri articoli de Il Punto sulla Crisi
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.