Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Martedì 27 Settembre 2016, ore 05.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

95 / Il peggio è passato?

Spread sotto quota 100, rendimenti dei BTP ai minimi storici, accenni di ripresa: possiamo finalmente rilassarci e levarci, dopo 7 anni, l’elmetto?

Andrea Ferretti
Andrea Ferretti
Economista e giornalista economico, docente al Corso di "Gestione delle Imprese Familiari" presso l'Università di Verona; collabora con l'Università Parthenope di Napoli e Roma 3 sugli Accordi di Basilea.
1 2 »
Forse, finalmente, dopo parecchi anni di illusioni e delusioni, qualcosa inizia davvero a muoversi nello scenario economico europeo ed italiano. Infatti, posto che il nostro debito pubblico si ostina a non dare segnali di cedimento e che il rientro dal deficit si dimostra ogni giorno più complesso, tuttavia, non vi è dubbio che il fattore “S” (il Sentiment), ossia la fiducia dei mercati nelle prospettive del nostro Paese, sia radicalmente migliorato rispetto al passato anche recente. Ed è proprio in questo contesto, così diverso dallo scenario da “grande paura” del settembre 2011, che calano gli ultimi dati economici: uno spread sotto i 100 bp come non accadeva dal 2010, i rendimenti dei nostri BTP all’1,35%, Istat e Confindustria che prevedono per il primo trimestre 2015 il ritorno alla sospirata crescita, qualche segnale positivo sul fronte dell’occupazione con 130.000 posti in più rispetto al gennaio 2014. E, soprattutto, un minimo di fiducia in più sul nostro futuro come evidenziato dall’indice di fiducia di consumatori ed imprese elaborato dall’Istat a febbraio.

Da considerare, tra l’altro, che quest’ultimo segnale assume particolare rilevanza nell'attuale contesto caratterizzato dalla presenza di una “deflazione cattiva” (ossia derivante da una contrazione dei consumi). Infatti, da una situazione stagnate quale la nostra attuale, si esce solamente nel momento in cui imprenditori e consumatori riacquistano fiducia sul futuro del Paese e riprendono ad investire ed a spingere sui consumi interni.

Parallelamente, anche a livello europeo, non sono mancati alcuni segnali decisamente positivi. Più in particolare, la Commissione Europea ha dato il via libera alla nostra finanziaria 2015 e, considerando la difficile situazione macroeconomica, non richiederà l’apertura di alcuna procedura di infrazione per deficit eccessivo nei nostri confronti. Inoltre, riconoscendo gli ingenti sforzi fatti dal governo Renzi sul fronte delle riforme strutturali, non ha neanche ritenuto di raccomandare all’Italia l’adozione di specifiche manovre aggiuntive. Dunque, in base a quanto sin qui detto, possiamo finalmente rilassarci, levarci gli elmetti e sbarrare i rifugi che ci hanno ospitato fin dall’inizio della crisi nel 2008?
1 2 »
Altri articoli de Il Punto sulla Crisi
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.