Facebook Pixel
Milano 12-apr
33.764,15 +0,15%
Nasdaq 12-apr
18.003,49 -1,66%
Dow Jones 12-apr
37.983,24 -1,24%
Londra 12-apr
7.995,58 +0,91%
Francoforte 12-apr
17.930,32 -0,13%

Parchi naturali: dove ambiente ed economia vanno a braccetto. E il pianeta ci guadagna

L'economia che ruota attorno ai parchi naturali è in forte sviluppo, lo dimostrano vari studi di settore. Nonostante questo i fondi destinati all'ambiente sono ormai ridotti all'osso.

Recenti incontri tenutisi tra ottobre e dicembre dello scorso anno a Milano, Palermo e Roma hanno messo in evidenza successi e contraddizioni di quella che viene oggi chiamata "green economy". Di "green economy" si inizia a parlare soltanto negli ultimi decenni, quando nelle tradizionali analisi economico-sociali si inserisce una nuova componente legata all'ambiente. Da qui il termine ha acquisito significati ed accezioni sempre più ampie, sino a comprendere qualunque attività economica legata, in modo più o meno indiretto, all'ambiente. È proprio di queste attività che si è discusso nel ciclo di conferenze dell'autunno scorso, "La Natura dell'Italia. Biodiversità e aree protette: la Green Economy per il rilancio del Paese".

"In un momento di crisi economica i parchi possono rappresentare un pezzo dell'oro verde del paese. Veri e propri asset su cui puntare per uscire dalla crisi", queste le parole dell'ex-ministro dell'Ambiente Andrea Orlandi, intervenuto nei vari incontri. Della stessa opinione un'altra voce autorevole, il presidente di Legambiente Vittorio C. Dezza, secondo il quale i parchi "possono offrire un concreto contributo al Paese per farlo uscire dalle difficoltà economiche e sociali in cui si trova". Che le parole dei due personaggi siano quanto mai veritiere, lo dimostrano i vari studi di settore.
Condividi
"
Altri Speciali
```