Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 13 Dicembre 2017, ore 15.37
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Legge di bilancio: giovani, lavoro e pensioni. Così il governo sfida la crisi

Il cuore della Legge di Bilancio è una raffica di misure che mettono al centro giovani, lavoratori e aziende. Con la disoccupazione giovanile che diventa sempre più allarmante in arrivo incentivi per le assunzioni.
A decorrere dal 1° gennaio 2018 entrerà in vigore il nuovo bonus per l’occupazione giovanile stabile.
"Per aggredire lo zoccolo duro dei disoccupati giovani la manovra prevede sgravi contributivi in una prima fase fino a 34 anni di età e poi gli anni successivi l'età per usufruire della misura si andrà riducendo". Così il ministro dell'economia, Pier Carlo Padoan, in conferenza stampa dopo il cdm che ha dato il via libera al ddl bilancio.

COME FUNZIONA - I datori di lavoro privati che assumeranno giovani con contratti a tutele crescenti, dunque a tempo indeterminato, potranno usufruire di uno sgravio fiscale del 50% sui contributi previdenziali per i primi 3 anni di contratto. L’esonero è esteso ai lavoratori assunti a novembre e dicembre 2017.
La decontribuzione è valida anche nel caso della prosecuzione di un contratto di apprendistato in contratto a tempo indeterminato. Oltre che all’assunzione, entro 6 mesi dal conseguimento del titolo di studio, di studenti che abbiano svolto percorsi di alternanza scuola lavoro o di apprendistato. I lavori domestici sono esclusi dal taglio del cuneo fiscale.

In una prima fase, precisamente per il 2018, la misura riguarderà i giovani fino a 34 anni, ovvero che non hanno compiuto il trentacinquesimo anno di età. Il limite anagrafico calerà, poi, negli anni successivi. Il prossimo anno, grazie alla nuova Legge di Bilancio, saranno assunti ben 1500 Ricercatori universitari.

BONUS ASSUNZIONI AL SUD - Altro capitolo importante quello che riguarda il Sud, ancora ahimè fanalino di coda rispetto al più virtuoso Nord.
Per le regioni meridionali, ovvero Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Abruzzo, Molise e Sardegna, è prevista una riduzione dei contributi Inps per l’inserimento stabile dei giovani pari al 100% per un anno. Dunque viene confermata la totale decontribuzione, attualmente in vigore, per chi assume disoccupati di età compresa tra i 16 e i 24 anni, e lavoratori fino a 25 anni di età, se privi di occupazione da almeno 6 mesi.

PENSIONI, ESTENSIONE DELL’APE -Per il 2018, viene estesa la platea dei beneficiari dell’Ape, l’anticipo pensionistico a carico dello Stato, erogato dall’Inps a favore di specifiche categorie di lavoratori, per permettere loro di andare in pensione a partire da 63 anni, introdotto dalla Legge di Bilancio 2017. Infatti, saranno ridotti i requisiti contributivi richiesti per accedere all’indennità nel caso di donne con figli, con uno sconto di 6 mesi per ciascun figlio, fino ad un massimo di 2 anni.

INCENTIVI PER LE IMPRESE -Corposa anche la voce che riguarda gli incentivi alle imprese. Tra le novità c’è la conferma del superammortamento e dell’iperammortamento. Si tratta di due incentivi a sostegno dell’acquisto di beni strumentali tradizionali il primo, che viene leggermente ridotto, e delle spese per comprare macchinari e per la digitalizzazione dei processi produttivi il secondo.

PROROGA CIGS - Cassa integrazione straordinaria prorogata di un anno nelle aree industriali di crisi complessa del Paese.

NO TAX AREA PER GLI SPORTIVI DILETTANTI - Sale da 7,5 mila a 10 mila euro la no tax area per gli sportivi dilettanti. Lo prevede una bozza del ddl manovra. La misura coinvolge anche altri soggetti come bande musicali e compagnie teatrali. La stima del costo è di 8,7 milioni di euro

SCATTI BIENNALI PER I PROFESSORI UNIVERSITARI - Buone notizie per i docenti universitari: la bozza del ddl manovra prevede che gli scatti stipendiali biennali, anziché triennali.

NIENTE BOLLO DEL 2 PER MILLE SULLE POLIZZE VITA - Non c'è il bollo del 2 per mille sulle comunicazioni relative alle polizze vita rivalutabili a capitale garantito. La misura, inizialmente valutata e inserita in alcune bozze circolate, non entrerà invece nella Legge di Bilancio, secondo quanto emerge da fonti al lavoro sul testo.












Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.