Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 22 Agosto 2018, ore 05.44
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Grecia, dopo l'agonia a un passo dal traguardo. Ma il paese ha due facce

Economia in espansione ma i greci vivono peggio

Una crisi, lunga e spaventosa, quella che ha investito e cambiato la storia più recente della Grecia, iniziata nel lontano 2011. A sette anni dal collasso economico, i conti del paese sono di fatto migliorati e permettono di guardare alla deadline del prossimo 20 agosto – data di interruzione del piano di aiuti europeo – con un piccolo sospiro di sollievo. Ma è un prezzo altissimo quello che ha dovuto pagare, e paga ancora, la popolazione.

Dalla grande paura, dunque, alla parziale ripresa. In mezzo, però, anche un enorme paradosso.

Numeri alla mano, l’avanzo nei primi nove mesi del 2017 è stato del 2,2% superiore all’1.75% imposto dall’Ue. Il Pil, cresciuto dell’1,9% nel 2017, si prevede toccherà il 2,5% nel 2018.
Economia in espansione rispetto agli ultimi anni con il turismo che, anche nella fase peggiore, ha continuato a dare i suoi frutti facendo da traino alla fragilissima economia e nel 2017 ha fatto registrare un ulteriore incremento del 17% rispetto all’anno precedente.
Superata l’ambìta soglia dei trenta milioni di turisti complessivi nel 2017, la Grecia ha battuto un altro record nel settore delle vacanze. Dall’Italia la destinazione macina successi con 1,43 milioni di viaggiatori, aumentando di 300mila ingressi il risultato del 2016. Nelle casse degli operatori il fatturato ufficiale è di 14,5 miliardi di euro, a testimoniare un’economia resiliente per un Paese che appena sette anni fa era sull'orlo del tracollo, per cui è scattato il piano di protezione europeo, che scade, appunto, il 20 agosto di quest’anno.

PARADOSSO GRECIA - Ma dietro alla visione economica incoraggiante, si nasconde una drammatica realtà. Insomma, dopo 8 anni di crisi economica, una grandissima fetta della popolazione greca, continua a subire le gravissime conseguenze delle misure economiche imposte dai creditori internazionali.

Rispetto all’anno precedente alla grande crisi, il potere d’acquisto della popolazione greca, infatti, è calato di circa il 29%, con il paese sempre alle prese con tassi di disoccupazione allarmanti, soprattutto quella giovanile, e ben il 22,2% della popolazione che non riesce a far fronte ai bisogni quotidiani e di prima necessità : dal pagamento delle bollette a quello del mutuo.

CASE ALL'ASTA, ESPLODE LA RABBIA - Per quanto riguarda gli immobili sono 130 mila le aste giudiziarie per debiti nei confronti di banche e fisco che il paese è obbligato ad effettuare e riguardano, nella maggior parte dei casi, la prima casa di famiglie, ridotte sul lastrico.
Occorre ricordare che le aste di pignoramento sono una condizione chiave del "terzo piano di salvataggio" imposto dalla Troika alla Grecia.
Per questo, nell'impossibilità di procedere alle aste giudiziarie nei tribunali e di contenere la rabbia di grande parte della popolazione, specie tra le fasce più deboli, le aste vengono effettuate elettronicamente presso studi notarili. Ma non mancano scontri violenti tra polizia e manifestanti.

Come tutti sanno, infatti, le banche greche sono gravate da centinaia di miliardi di crediti inesigibili dopo anni di crisi finanziaria, principalmente a causa dell’incapacità delle persone di rimborsare i mutui. Una recessione provocata , appunto, dalle misure di austerity che hanno tagliato i posti di lavoro e bloccato gli investimenti delle imprese.
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.