Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 26 Settembre 2016, ore 00.45
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Nuoce gravemente alla salute... ma non allo Stato!

1 2 »
Il tabacco: una lunga storia
Aromatico Fire-cured, Brightleaf, Corojo, White Burley, Shade, Perique, Orientale, Latakia... non sono i rampolli di divi hollywoodiani in vena di originalità, ma nomi di alcune varietà di tabacchi.

La pianta del tabacco fu scoperta insieme alle Americhe. Alcuni coloni lungimiranti capirono subito che la Nicotiana (nome affidatole in omaggio all'ambasciatore francese in Portogallo Jean Nicot che, attorno al 1560, inviò un esemplare della pianta alla corte di Caterina de' Medici per far conoscere le proprie funzioni medicinali) poteva essere un business vantaggioso.

Se nel XIX secolo gli Stati Uniti erano una potenza economica consolidata ciò era potuto avvenire anche grazie alle ricchissime piantagioni dell'ambito vegetale. Fino al 1883, spiega Wikipedia, le accise sul commercio del tabacco rappresentarono un terzo di tutte le tasse raccolte dal governo degli Stati Uniti!

Inizialmente molti stati europei osteggiarono il nuovo "vizio", ma ben presto tutti i governi capirono che vi erano più vantaggi ad assicurarsene il monopolio che a combatterlo!

La produzione di tabacco è ad oggi in mano a poche multinazionali (la maggiore è l'azienda di stato cinese), che si spartiscono un giro d'affari con cifre astronomiche anche se non facilmente quantificabili. Per fare un esempio in piccolo, secondo Coldiretti solo in Campania, che produce il 50% del tabacco italiano, il fatturato ha toccato i 226 milioni di euro, compreso l'indotto. La Philip Morris ha invece un giro d'affari di 50 miliardi di dollari l'anno. Facendo qualche calcolo mentale non è difficile capire che la posta in gioco è alta.

Un "mestiere" spesso non facile, quello di multinazionale del tabacco! Additate come responsabili della morte di sei persone al minuto a causa del fumo, spesso coinvolte in cause miliardarie, sembra che alcune di esse siano state anche accusate di favorire il contrabbando, perché odierebbero le pesanti imposte dirette sui loro prodotti! Perché sembra che uno dei metodi più efficaci per ridurre il fumo è quello di aumentare il prezzo dei propri derivati, in particolare delle sigarette. La stessa OMS e le autorità sanitarie considerano l'istituzione di un'elevata tassazione sulle sigarette come la più importante misura di controllo del tabacco che una nazione possa applicare.

Una curiosità. Se è indubbio che fumare fa male, va comunque ricordato che la scienza deve al tabacco una scoperta importantissima: il virus. Quando la malattia del mosaico del tabacco cominciò a distruggere svariati raccolti, molti scienziati si misero all'opera e isolarono il virus responsabile. Per una volta, la sete di denaro aveva fatto del bene all'umanità!


1 2 »
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.