Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 30 Settembre 2016, ore 13.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Si fa presto a dire "dal produttore al consumatore"!

La filiera ovvero tutti i passaggi che compie un prodotto.

1 2 3 »
Cos'è la filiera

Quanti passaggi compie un prodotto, che sia uno shampoo piuttosto che un alimento, per arrivare dal produttore al consumatore? Molti, spesso moltissimi. Per non parlare delle attività, delle risorse (anche umane), delle materie prime e delle tecnologie necessarie a portare questo o quel bene nella vita quotidiana di ognuno.

Basti pensare alla pastasciutta: dietro un pacco di fusilli, per esempio, ci sono agricoltori, molitori, trasportatori, operai, pastifici, magazzinieri. E, ancora, i fornitori del cartoncino, dietro i quali ci sono a loro volta i produttori della carta e dell'inchiostro. Un vero e proprio mondo che in economia prende il nome di filiera, un termine ormai molto utilizzato ma spesso poco compreso nell'interezza della sua importanza, che subito rimanda ad un altro termine anch'esso sempre più importante: quello di tracciabilità.

Una filiera, spiega Wikipedia, può essere agro-alimentare, tecnologica, e industriale, semplice o complessa, lunga o corta. "In senso più stretto, si intende l'insieme delle aziende che concorrono alla catena di fornitura di un dato prodotto".

Il tipo di filiera che più interessa i consumatori e catalizza l'attenzione è, ovviamente, quella alimentare.
Episodi come quello della diossina, della mucca pazza e, da ultimo, della carne di cavallo spacciata per carne di manzo, stanno aumentando la necessità di conoscere cosa e chi c'è dietro un prodotto alimentare.
Peccato che di leggi in materia ce ne siano molto poche e che solo ultimamente, data la risonanza mediatica prodotta dallo scandalo delle carni equine, che ha messo sul banco degli imputati grandi nomi della distribuzione europea, si comincia ad invocare leggi più severe.
1 2 3 »
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.