Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 5 Dicembre 2016, ore 09.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Lavoro: la nuova frontiera dello smart working, in Italia sono già 250 mila

In un mercato del lavoro sempre più diversificato e in evoluzione, sono raddoppiati in soli tre anni i lavoratori che godono di discrezionalità nella definizione delle modalità di lavoro in termini di luogo, orario e strumenti utilizzati. Sono i cosiddetti smart worker, i lavoratori "agili" che hanno raggiunto le 250 mila unità, con un incremento del 40% rispetto al 2013.

In termini percentuali, il loro impatto sul mercato del lavoro è arrivato a raggiungere il 7%, tra impiegati, quadri e dirigenti. E’ quanto emerge dallo studio condotto sulle novità del mercato del lavoro delll’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, che ha evidenziato come questa nuova tipologia di lavoratori "smart" sia da una parte sempre più utile e indispensabile alle aziende, dall’altra è gradita al lavoratore stesso, che ha così la possibilità di gestire al meglio il proprio tempo e far conciliare le esigenze professionali con quelle familiari.

Ma qual è il profilo dello smart worker? Nel 70% dei casi è uomo, con un’età media di 41 anni. Più della metà (52%) risiede negli uffici e nelle aziende del Nord, il 38% al Centro e il 10% al Sud.

Come detto, il gradimento per questa nuova tipologia di lavoro fa felici gli uomini, con un gradimento superiore del 22% rispetto ai colleghi che ricoprono incarichi più tradizionali, e ancora di più le donne, la cui soddisfazione è per il 35% superiore rispetto a quante lavorano otto ore di fila a una scrivania.

Complessivamente, dallo studio emerge come oltre il 40% degli smart worker sia addirittura entusiasta del proprio lavoro. I lavoratori agili sono più soddisfatti della media nella capacità di gestire la vita professionale e privata: il 35% è molto contento del modo in cui organizza il proprio tempo (rispetto al 15% della media) e il 29% riesce sempre a conciliare le esigenze personali e professionali.


Sono soprattutto i dipendenti delle grandi imprese, almeno in questa fase storica, a poter beneficiare di una modalità di lavoro smart. Numeri alla mano, un’azienda su tre nel 2016 ha realizzato progetti strutturati di smart working,con una crescita raddoppiata rispetto all’anno precedente. E l’11% dichiara di avere promosso attività in smart working, mentre nelle piccole e medie imprese la diffusione di progetti strutturati è ferma al 5% del 2015. Il 90% dei progetti realizzati in Italia ha introdotto la flessibilità nel luogo di lavoro, la leva più diffusa seguita dalla flessibilità nella gestione dell’orario (73%), poi il lavoro saltuario in altre sedi aziendali (54%), il lavoro saltuario in altri luoghi (51%) e la riprogettazione degli spazi fisici (40%).
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.