Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 2 Dicembre 2016, ore 20.53
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Affitto con riscatto: la nuova frontiera per acquistare casa

L'affitto con riscatto, un modo per comprare casa in comode rate, senza richiedere un mutuo.

1 2 »

La crisi ha messo in ginocchio il mercato immobiliare

I risvolti della crisi che ha messo in ginocchio l'economia sono tangibili ogni giorno soprattutto per tutti coloro che inseguono il sogno, che ormai sembra essersi trasformato in un miraggio, di una casa di proprietà. Ottenere un mutuo in Italia è diventato sempre più difficile perché se è vero che i tassi d'interesse sono ai minimi storici a causa della crisi dei debiti sovrani, è anche vero che le banche si sono "organizzate" e hanno alzato notevolmente gli spread applicati ai mutui (tecnicamente i guadagni degli istituti di credito nel prestare denaro ai clienti). Su questo fronte non ci sono riduzioni visto che il miglior spread a tasso variabile viaggia oggi al 2,8% (ma la media è al 4,1%) mentre il miglior spread applicato sui finanziamenti a tasso fisso è al 3,1% (in media 4,3%).

Senza dimenticare poi che il potere d'acquisto delle famiglie, con la crescita esponenziale della disoccupazione e il ricorso agli ammortizzatori sociali, come per esempio la cassa integrazione, è diminuito notevolmente. E il trend negativo continuerà anche per il 2013, come rileva l'ISTAT che prevede, per il prossimo anno, un tasso di disoccupazione in aumento fino all'11,4%. La mancanza di lavoro porta con sé la caduta del reddito disponibile che, insieme al clima di incertezza percepito dai consumatori e l'attuazione di misure di politica economica volte al consolidamento dei conti pubblici, penalizzano la spesa per consumi. Questo il quadro a tinte fosche dipinto dall'istituto di statistica.

Calano i consumi e insieme si registra una contrazione evidente del mercato immobiliare che, però, non giova visto che insieme al calo dei prezzi delle case arriva anche una diminuzione delle domane di mutuo da parte di tutti coloro che non si sentono in condizioni finanziarie abbastanza solide da poter bussare alla porta di una banca.

A questo va poi aggiunto un calo delle erogazioni di mutui da parte degli istituti di credito che spesso sbarrano la strada a coloro che sono alla ricerca di un prestito per poter acquistare casa.

I numeri parlano chiaro: secondo la nuova edizione della Bussola Mutui, il bollettino trimestrale firmato CRIF e MutuiSupermarket.it che offre una fotografia aggiornata e completa delle tendenze in atto nel mercato italiano dei mutui residenziali e immobiliare, continua la forte contrazione del numero di domande di mutui, -44% nei primi 9 mesi del 2012 rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Secondo uno studio fatto dall'Osservatorio sul credito al dettaglio di Assofin, Crif e Prometeia, la concessione di mutui immobiliari nel mese di settembre è scesa del 42%.

1 2 »
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.