Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 30 Settembre 2016, ore 20.50
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il mercato del falso impoverisce l’Italia

La contraffazione ha un impatto pesantissimo sul nostro Paese: per fatturato perso, mancati introiti per lo Stato e in termini occupazionali

1 2 3 »
C'è un'attività che sembra non conoscere crisi anche se, paradossalmente, è essa stessa fonte di crisi: la contraffazione. Il mercato del falso in Italia genera un fatturato di 6,5 miliardi di euro ed i settori più colpiti sono l'abbigliamento e gli accessori con oltre 2,2 miliardi di euro. La stima emerge da una ricerca realizzata dal Ministero dello Sviluppo Economico in collaborazione con il Censis, che dà una misura dell’impatto "pesantissimo" della contraffazione sul sistema-Paese: 17,7 miliardi di produzione in meno, 6,4 miliardi di valore aggiunto persi, acquisti di materie prime, semilavorati e servizi dall'estero per un valore delle importazioni pari a 5,6 miliardi di euro. La produzione legale delle merci, inoltre, assorbirebbe 100 mila lavoratori regolari, occupati a tempo pieno, come affermato dal vicepresidente di Confindustria Lisa Ferrarini.

La contraffazione comporta anche pesanti perdite per il bilancio dello Stato in termini di mancati introiti fiscali, per un valore stimato, tra imposte dirette e indirette, di quasi 5,3 miliardi.

Oltre al danno economico c'è quello sulla salute. E non si parla solo di giocattoli: il commissario europeo all'Industria e all'imprenditoria, Antonio Tajani, cita per esempio il ritrovamento di pezzi di ricambio di automobili falsificati, che mettono a rischio la sicurezza non solo di coloro che li hanno acquistati, ma di tutti gli autisti che si trovano a guidare sulla stessa strada in cui circolano veicoli assemblati con pezzi di ricambio.

Cos'è che alimenta il mercato della contraffazione? Secondo gli esperti è la crisi stessa, che spinge i consumatori ad adottare strategie di contenimento delle spese, anche quando si tratta di merci fake. Secondo l'indagine nazionale del Censis, il 46% dei soggetti economici interpellati (camere di commercio, associazioni imprenditoriali e di categoria) dichiara che l'acquisto di merce falsa è un'abitudine in crescita tra i consumatori.
1 2 3 »
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.