Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 06.42
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Interessi usurari nei contratti di "finanziamento": il consumatore tra l’incudine e il martello

Non fidarsi delle Banche è bene, ma non fidarsi di chi vuole portarle in tribunale ad ogni costo è anche meglio

Jacopo Vavalli
Jacopo Vavalli
Avvocato. Si occupa di diritto disciplinare notarile, civile, amministrativo e tributario. È docente presso la Scuola Nazionale dell'Amministrazione in materia di appalti pubblici
« 1 2 3 4 5 »
Ecco, in materia di interessi, il decreto legge 29 dicembre 2000, n. 394, convertito in legge 28 febbraio 2001, n. 24 stabilisce che “… si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento”. Il limite stabilito dalla legge di cui parla la normativa appena descritta è la soglia massima degli interessi ed è comunemente detto tasso usura. Le conseguenze di un eventuale sforamento del detto tasso sono: sia civili, quali la restituzione al cliente di tutte le somme versate a titolo interessi, attesa la nullità della clausola che li prevede, ai sensi dell'art. 1815, comma 2, c.c.; sia penali quali, soprattutto, la reclusione da due a dieci anni, ai sensi dell'art. 644 c.p.

La questione degli interessi usurari nei contratti di finanziamento è salita negli ultimi anni alla ribalta delle cronache, per effetto della pubblicazione della sentenza della Cassazione n. 350 del 9 gennaio 2013, ed in particolare del punto in cui la Suprema Corte afferma che “si considerano usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge al momento in cui sono promessi o comunque convenuti a qualunque titolo, e quindi anche a titolo d'interessi moratori”.
« 1 2 3 4 5 »
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.