Martedì 7 Luglio 2020, ore 21.57
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ecobonus: interventi consentiti per ottenerlo

Quali sono gli ambiti su cui intervenire per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici

« 1 2 3 4 5 6 7
Ottenere l'Ecobonus con il solare termico

La proroga introdotta dal Consiglio dei Ministri si applica favorevolmente anche agli impianti solari termici. La produzione di acqua calda tramite impianto solare termico permette di risparmiare l’utilizzo di energia elettrica o gas combustibile. Non è comunque da confondere la tecnologia solare termica con la tecnologia fotovoltaica. Un impianto fotovoltaico produce corrente elettrica che, in base a quanto stabilito dalle normative e dalle disposizioni dell'ente Gestore Servizi Energetici, viene immessa nella rete di distribuzione dell’energia elettrica.

Sono quindi, due scenari completamenti diversi: il solare termico consente di ottenere gli incentivi fiscali prorogati dal D.L. del 4 giugno 2013 n° 63, mentre il fotovoltaico consente di ottenere le detrazioni configurate nella stessa disposizione governativa ma relative alle ristrutturazioni.

Sul fotovoltaico e sul V Conto Energia si tornerà con un’apposita rubrica, quello che interessa ora è mettere in evidenza gli aspetti legati alle detrazioni fiscali per gli impianti solari termici.

Questo particolare tipo d’impianto, trasferisce l’energia termica del sole all’acqua contenuta nell’impianto. Per far questo le parti costituenti il sistema sono rappresentate essenzialmente da un collettore dell'energia termica solare, da un accumulatore d’acqua calda e dalla tubazione idraulica necessaria.

Il collettore solare è costituito da elementi che massimizzano l'efficienza di riscaldamento del sole per rendere la temperatura dell’acqua presente nell'impianto più alta possibile. L’acqua calda, messa in circolo da una pompa, alimenta lo scambiatore di calore presente nell'accumulatore. Quest'ultimo deve essere dotato del miglior isolamento termico possibile. L'acqua calda è così destinabile a scopi sanitari oppure impiegabile nell'impianto per la climatizzazione invernale dell'immobile.
E’ difatti possibile alimentare il circuito di riscaldamento domestico con l’acqua calda prodotta dall'impianto solare termico al fine di innalzare la temperatura dell’acqua presente nella caldaia e ridurre così l’energia necessaria a portare a temperatura l’impianto.

I collettori solari possono essere collocati su qualsiasi pertinenza dell’immobile di proprietà dell’utente. La decisione in merito alla fattibilità tecnica si basa sull'esistenza nel sito d’installazione dei seguenti requisiti, che dovranno essere verificati dal progettista o dall'installatore in sede di sopralluogo:
  • disponibilità della superficie necessaria per installare i pannelli;
  • corretta esposizione e inclinazione della suddetta superficie.

Le condizioni ottimali per l'Italia sono:
  • esposizione SUD, accettata anche SUD-EST, SUD-OVEST, con limitata perdita di produzione;
  • in caso di fabbisogno costante di acqua calda durante l’anno, l’inclinazione consigliata è pari indicativamente alla latitudine;
  • in caso di fabbisogno di acqua calda prevalentemente estivo, l’inclinazione consigliata è pari alla latitudine del luogo diminuita di 15°;
  • in caso di fabbisogno di acqua calda prevalentemente invernale, tipicamente per sistemi solari per il riscaldamento degli ambienti, l’inclinazione consigliata è pari alla latitudine del luogo aumentata di 15° (50°-60°);
  • assenza di ostacoli in grado di creare ombreggiamento.

In ogni caso, per quanto riguarda i tetti a falda, poiché le differenze di prestazioni alle diverse inclinazioni non sono particolarmente significative, il posizionamento dei collettori parallelamente alla falda è sempre da preferire per una migliore resa estetica e per la semplicità d’installazione.

Il dimensionamento di un impianto solare termico è il risultato del bilancio tra l’energia termica che può produrre l’impianto e i fabbisogni di calore dell’utenza. La produzione termica utile annua di un impianto solare, caratterizzato da una determinata superficie captante, può essere stimata abbastanza accuratamente attraverso un calcolo che tiene conto di:
  • la radiazione solare annuale disponibile nel luogo d’installazione;
  • un fattore di correzione calcolato sulla base dell’orientamento, dell’angolo d’inclinazione dei collettori solari ed eventuali ombre temporanee;
  • le prestazioni tecniche dei pannelli solari, del serbatoio, degli altri componenti dell’impianto e dell’efficienza del sistema di distribuzione;
  • il grado di contemporaneità tra produzione del calore e fabbisogno dello stesso da parte dell’utenza.

I fabbisogni termici dell’utenza devono essere attentamente calcolati in relazione al tipo di applicazione: produzione di acqua calda sanitaria, integrazione al riscaldamento degli ambienti, riscaldamento piscina.

Nelle analisi tecniche ed economiche si usa accreditare l’impianto di una vita complessiva di almeno 20 anni. Nella pratica è opportuno considerare separatamente i componenti economicamente più significativi. I collettori vetrati piani, che sono attualmente i più diffusi, hanno una durata di vita superiore a 20 anni. Generalmente la garanzia, fornita dai produttori sul mantenimento delle prestazioni energetiche, è di 5 anni, in alcuni casi può eccezionalmente arrivare fino a 10-15 anni. Anche per i serbatoi, che rappresentano l’altro componente economicamente rilevante dell’impianto, la garanzia si estende normalmente a 5 anni. Per gli altri componenti la durata di garanzia è 2 anni.

Un impianto correttamente dimensionato, installato e gestito può tranquillamente superare la vita “tecnica” sopra ricordata. A tal fine, è fondamentale prevedere un programma di manutenzione ordinaria e straordinaria che, mediante interventi periodici con cadenza in genere biennale, tenga sotto controllo lo stato dell’impianto e le prestazioni.
La detrazione fiscale accompagnata al risparmio energetico nei conti economici rende particolarmente interessante la proroga disposta dal governo.


_______________________________________________________________________________
Articoli correlati:

L'Ecobonus uscito dal cilindro del governo
L'Ecobonus uscito dal cilindro del governo
Gli incentivi fiscali per la riqualificazione energetica degli immobili sono stati prorogati ed aumentati al 65%.

Ottenere l'Ecobonus con l'isolamento delle pareti dell’involucro esterno
Ottenere L'ecobonus con l'isolamento del tetto
« 1 2 3 4 5 6 7
Altri Speciali
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.