Facebook Pixel
Milano 17:35
34.615 +1,17%
Nasdaq 18:25
19.719 -0,21%
Dow Jones 18:25
40.300 +0,03%
Londra 17:35
8.199 +0,53%
Francoforte 17:35
18.407 +1,29%

Decreto Scuola: al lavoro Anief su possibile modifiche per reclutamento, sostegno, ATA, mobilità

"E' importante presentare degli emendamenti perché il testo si deve migliorare". E' quanto affermato da Marcello Pacifico, Presidente nazionale del sindacato Anief, a proposito del Decreto Scuola.

Il leader del sindacato ha parlato, innanzitutto, della necessità di un miglioramento sul tema della continuità didattica. "La continuità didattica sul sostegno si ottiene trasformando i posti in deroga in organico di diritto e, quindi, andando a assumere chi insegna da diversi anni con la specializzazione nelle nostre scuole, assumendo così il ruolo". "E' così che si garantisce la continuità didattica - afferma - non tanto con la scelta delle famiglie o la chiamata diretta da parte dei presidi".

"Poi c'è un tema fondamentale che è legato alla mobilità. E' un tema fondamentale - ricorda pacifico - perché è il momento di garantire 40.000 trasferimenti attraverso una domanda cartacea, per i ricongiungimento con la propria famiglia".

"E certamente il tema degli organici ATA è al centro della nostra attenzione - sottolinea i Presidente di Anief - da una parte perché bisogna rinnovare i contratti ormai in scadenza, ma anche i contratti per il prossimo anno scolastico nell'ambito di Agenda Sud e PNRR, che coinvolgono più di 9.000 amministrativi nelle scuole".

"Non bisogna dimenticare che ci sono gli amministrativi che dovrebbero essere ammessi a carico delle scuole e poi però ci sono delle figure professionali che, come Anief, abbiamo contribuito a inserire nel rinnovo del contratto: la figura dell'operatore scolastico, la figura dell'EQ -Elevata Qualificazione dei funzionari, che devono essere definiti in pianta organica".

"Sono tutte proposte che porteremo avanti - conclude il Presidente Pacifico - non per ultimo quella dei docenti cancellati dalle GaE e licenziati dalle scuole, che a nostro avviso, come quelli licenziati dai concorsi, devono essere pure riassunti e devono avere anche loro uno sbocco. Magari con l'estensione del doppio canale di reclutamento alla prima fascia delle graduatorie per le supplenze (GPS) su posto comune oltre che su posto di sostegno".
Condividi
"
Altri Video
```