Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 20.34
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 23 maggio 2017 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Il petrolio continua a correre e chiude un’altra settimana in rally, vedendo i prezzi salire del 5,3% a 50,33 dollari nella settimana chiusa venerdì 19 aprile. A sostenere il greggio è l’accordo di massima raggiunto da Arabia e Russia, con la complicità del Kuwait, sul prolungamento dei tagli, nell'approssimarsi del vertice OPEC di fine mese. Ciò ha distolto l'attenzione dai dati delle scorte USA, che nel frattempo sono scese più delle attese di 1,9 milioni di barili.

Il prezzo del gas naturale invece torna a scendere e si porta a 3,256 dollari per milione di BTU, con un calo del 3,5% rispetto alla settimana precedente. Le pressioni sui prezzi sono state alimentate dalle previsioni meteo che preannunciano temperature miti e dai dati sugli stoccaggi, che sono aumentati più delle attese di 68 BCF nell'ultima settimana.

Quotazioni in risalita per il grano, che ha chiuso l’ottava con un incremento del 2,2% circa a 435,25 cent per bushel, dopo aver toccato in precedenza i minimi delle ultime tre settimane. Sono state le ricoperture ad avvantaggiare il frumento, che sconta ancora prospettive di un raccolto abbondante.

Settimana in rally anche per l'oro, che ha guadagnato il 2,4% attestandosi venerdì a 1.253,6 dollari l’oncia, complice la persistente debolezza del biglietto verde. Sul fronte dei cambi, il dollaro ha scontato le tensioni geopolitiche dovute alla politica “esuberante” del Presidente Trump, mentre l’euro ha reagito positivamente ai segnali di ripresa dell’economia europea ed alla conferma di una politica accomodante della BCE, anche se i verbali dell’ultima riunione suggeriscono che potrebbero esservi novità a giugno.

Il rame ha chiuso un’ottava molto positiva, riportando un incremento del 2,9% a 2,57 dollari la libbra. A sostenere il metallo hanno contribuito acquisti opportunistici innescati dai recenti cali del metallo, mentre non si vedono ancora segnali chiari di ripresa della domanda.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.