Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 20.36
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Notizie dal Forex 6 luglio 2017 - [video]

Approfondimento settimanale sul mercato delle valute a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

EUR/USD
L’euro si conferma in rialzo nei confronti del biglietto verde scambiando oltre quota 1,13 dollari. A dare linfa alla moneta unica sono i commenti giunti dal Presidente della BCE, Mario Draghi. Il banchiere ha definito in gran parte temporanei i fattori di debolezza dell’inflazione, mentre la crescita economica della zona euro prosegue sopra il trend. Il cross EUR/USD scambia a 1,1387 dollari con prima area di resistenza vista a 1,1414.

USD/YEN
Il dollaro si muove al rialzo nei confronti dello yen tornando a scambiare oltre quota 113. A spingere in avanti la divisa statunitense sono state le parole del presidente della Federal Reserve di Philadelphia Patrick Harker che ha confermato l’intenzione della banca centrale statunitense di alzare i tassi di interesse ancora una volta quest'anno, visto che il recente indebolimento dell'inflazione appare temporaneo. Il cross scambia a 113,24 yen.

GBP/USD
Sterlina stabile sul biglietto verde. A togliere forza al dollaro sono le parole del governatore Fed, Bullard, secondo cui la banca centrale dovrebbe attendere prima di procedere a nuovi rialzi dei tassi finché non sarà chiara la direzione dell’inflazione. Il cross scambia a 1,2946. Il primo livello di resistenza è visto 1,2981 dollari.

EUR/YEN
Euro in rialzo sullo yen scambia a 128,97 con una performance settimanale moderatamente positiva. La forza della moneta unica è ascrivibile ai commenti del Presidente della BCE, Draghi su economia e inflazione. I toni delle parole usate dal banchiere sono apparse alle orecchie degli investitori meno accomodanti di quelli utilizzati recentemente e compatibili con l'annuncio, presumibilmente in autunno, di un percorso di graduale riduzione dello stimolo monetario.

Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.