Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 14 Dicembre 2018, ore 11.04
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Notizie dal Forex 26 ottobre 2017 - [video]

Approfondimento settimanale sul mercato delle valute a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

EUR/USD
L'euro è poco mosso nei confronti del biglietto verde. Il mood degli investitori è condizionato dall'incertezza per la crisi catalana, ma anche dall'attesa per il verdetto della BCE, che dovrebbe delineare una graduale riduzione dello stimolo monetario, alla luce del miglioramento del quadro economico. Il cross scambia a 1,18 dollari e il primo livello di supporto è visto in area 1,179.

USD/YEN
Dollaro in rialzo sullo yen quota a 113,6 con il primo livello di resistenza visto in area 113,8. Ad infiammare il biglietto verde contribuiscono le aspettative di un falco alla guida della Fed, una volta scaduto il mandato dell'attuale governatore Janet Yellen. Un sostegno giunge anche dalle aspettative per alcuni progressi sul fronte della riforma fiscale americana.

GBP/USD
Sterlina debole sul biglietto verde viaggia a 1,322 dollari, pur mantenendo un discreto guadagno su base settimanale. Il primo livello di supporto è visto in area 1,317 dollari. Le attese sulla nomina alla guida della Fed alimentano le speculazioni sulla divisa statunitense: flussi di acquisti e vendite sulla base della percezione di chi potrebbe essere più accomodante o più falco.

EUR/YEN
Euro timidamente in rialzo nei confronti della valuta giapponese scambia a 134,1 yen. Il primo livello di supporto è visto in area 134 yen. La moneta del Sol Levante paga una vittoria di Abe scontata alle elezioni, considerata piuttosto facile dagli addetti ai lavori. Il premier, al suo terzo mandato, continuerà a mantenere la moneta nazionale su livelli bassi per continuare a consolidare l'economia.
Altri Video