Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Domenica 17 Dicembre 2017, ore 11.02
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 5 dicembre 2017 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Settimana di sosta per il petrolio, che ha chiuso venerdì a 58,36 dollari al barile, con una variazione trascurabile rispetto alla settimana prima, consolidando i massimi da giugno 2015. A sostenere il prezzo del greggio al top degli ultimi due anni ha contribuito la decisione dei membri OPEC e non OPEC di estendere i tagli alla produzione a tutto il 2018, nella speranza di favorire un ribilanciamento del mercato.

Il gas naturale ha messo a segno un corposo rimbalzo, riportando un incremento superiore al 5% a 3,061 dollari. Il prodotto energetico è stato favorito dalle previsioni di un progressivo calo delle temperature sino a metà dicembre, che faranno aumentare la domanda per il riscaldamento, che hanno controbilanciato i deludenti dati sugli stoccaggi pubblicati dall'EIA.

Altra settimana difficile per il grano, che chiude in calo di quasi il 2% a 414,50 cent per bushel, risentendo della pressione delle vendite sul più vicino contratto di dicembre in scadenza. In generale, il frumento ha risentito anche dei deludenti dati delle vendite all'export pubblicati dall'USDA.

L'oro chiude ancora un'ottava negativa, riportando un decremento dello 0,84% a 1.278,8 dollari l'oncia. Il metallo prezioso ha risentito della perdita di appeal degli asset che non offrono rendimenti, a favore di attività più rischiose e redditizie, e con il voto favorevole del Senato USA sulla maxi riforma fiscale di Donald Trump.

Il rame ha chiuso in ribasso del 2,67% a 3,07 dollari la libbra. Il metallo rosso è stato penalizzato dai dati dei PMI pubblicati il 1° dicembre, che hanno confermato un rallentamento dell'industria cinese ai minimi degli ultimi cinque mesi.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.