Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Martedì 11 Dicembre 2018, ore 00.10
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 19 dicembre 2017 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Ottava fiacca per il petrolio, che ha consolidato sui livelli raggiunti di recente ai massimi da metà 2015, chiudendo venerdì con una limatura dello 0,1% a 57,36 dollari al barile. Sul mercato ha pesato il report dell'AIE, che ha evidenziato un recupero della produzione ai massimi da un anno, per gli aumenti di produzione da Shale oil che compensano i tagli OPEC. I dati sulle scorte USA però hanno segnalato anche un buon recupero della domanda.

Il gas naturale ha accusato di nuovo un pesante ribasso di quasi il 6% a 2,612 dollari, portandosi ai minimi dal mese di febbraio. Sul mercato pesa ancora un'offerta abbondante, confermata dai dati settimanali sugli storage che sono scesi di 69 BCF, più delle attese degli analisti, ma molto meno della media degli ultimi cinque anni per questa settimana.

Prezzi in recupero per il grano, che ha chiuso in rialzo del 6,7% a 418,25 cent per bushel, grazie a ricoperture. Il mercato resta però esposto a nuovi ribassi a causa di una produzione record, confermata dal report dell'USDA che ha rivisto al rialzo la stima sul raccolto globale a 755 milioni di tonnellate.

L'oro ha chiuso una settimana cruciale con buoni spunti, recuperando lo 0,7% a 1.254,3 dollari l'oncia, dopo aver superato quasi indenne il test delle banche centrali. La Fed ha alzato i tassi come atteso, lasciando però la view sull'anno prossimo invariata e impostata alla cautela, mentre BCE e BOE prendono tempo in attesa di capire se l'inflazione riuscirà effettivamente a recuperare l'anno prossimo sul target del 2% fissato dalle banche centrali.

Il rame ha chiuso con un robusto incremento del 5,25% a 3,11 2,96 dollari la libbra, scommettendo su una più robusta accelerazione dell'economia cinese dopo i dati su produzione e vendite al dettaglio. Fra l'altro, la banca centrale ha inaspettatamente alzato i tassi, dando un segnale positivo al mercato riguardo la view sull'economia.
Altri Video