Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 14 Dicembre 2018, ore 10.32
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 26 novembre 2018 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Petrolio (Crude Oil)
Settimana molto negativa per il greggio, che perde terreno, mostrando una discesa dell'11,33%.
La discesa dei prezzi del petrolio potrebbe penalizzare il settore dello shale oil negli Stati Uniti.

Benzina RBOB
In forte ribasso il carburante, che chiude la settimana con un disastroso -12,26%.
Il prezzo della benzina continua a scendere gradualmente per l'ottava volta nell'ultimo mese.

Future sul Natural Gas
Risultato negativo per il derivato sul Gas, con una flessione dello 0,75%, sui valori dell'ottava precedente.
Si riducono di 134 miliardi di piedi cubi le scorte di gas naturale, dopo l'arrivo del freddo e quindi di una maggiore domanda.

Grano
A picco il derivato sul grano, che chiude gli scambi con un pessimo -1,58%, rispetto ai valori dell'ottava precedente.
Aumentano le esportazioni di grano del Canada, destinato soprattutto al mercato cinese e indonesiano, seguito dal mercato statunitense.

Mais
Chiusura in profondo rosso per il Future sul mais, che al termine della settimana esibisce una variazione percentuale negativa dell'1,64%.
Il Ministero dell'Agricoltura dell'Ucraina ha aumentato le sue previsioni sulla produzione di mais nel 2018 a 34,8 milioni di tonnellate.

Semi di Soia
Composto ribasso per il derivato sui semi di soia, in flessione dell'1,26% sui valori della settimana precedente.
L'Italia è il principale produttore di Soia dell'Eurozona, mentre il Dipartimento dell'Agricolutura degli USA prevede nel 2019, una riduzione della superficie utilizzata per produrre Soia.

Oro
Sostanzialmente invariata la settimana per il metallo giallo, che chiude le contrattazioni sui valori dell'ottava precedente.
Un allungo rialzista del metallo giallo sopra area 1.250 dollari l'oncia potrebbe indicare un'inversione della tendenza ribassista.

Platino
Frazionale ribasso per il metallo, che chiude gli scambi con una perdita dello 0,29%.
La tenuta di area 830 dollari l'oncia potrebbe generare nuovi spunti rialzisti verso area 1.000 dollari entro la fine dell'anno.

Altri Video