Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Mercoledì 20 Novembre 2019, ore 07.28
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Dl "Salvaprecari" non risolve supplentite, ANIEF pronta ad impugnarlo

Il giovane sindacato della scuola conferma lo sciopero e il sit-in del 12 novembre per sensibilizzare i gruppi parlamentari sulle diverse proposte emendative che saranno elaborate per affrontare l’irrisolto problema della supplentite e del precariato

Dopo l’approvazione del decreto "salvaprecari" da parte del Consiglio dei ministri, il sindacato della scuola Anief conferma lo sciopero e il sit-in del 12 novembre per sensibilizzare i gruppi parlamentari sulle diverse proposte emendative che saranno elaborate per affrontare l’irrisolto problema della supplentite e del precariato.

Nel frattempo - fa sapere la sigla sindacale guidata da Marcello Pacifico - nei prossimi giorni saranno avviate le pre-adesioni ai ricorsi per l’ammissione alla procedura riservata di migliaia di insegnanti e per la stabilizzazione dei collaboratori scolastici e dei ricercatori universitari.

Secondo Pacifico, presidente nazionale Anief, "non si comprende perché inserire nelle nuove graduatorie, che subentreranno alle GaE esaurite, soltanto una parte del personale. Come è inspiegabile il motivo per il quale non si trova una soluzione per le migliaia di maestre licenziate. Lo sciopero nazionale proclamato dall’Anief servirà proprio a questo: modificare un testo incompleto, che lascia insoddisfatti tantissimi precari. Il Parlamento ci deve ascoltare, altrimenti a sistemare tutto ci penseranno i tribunali".



Altri Video