Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Lunedì 23 Ottobre 2017, ore 11.59
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 11 aprile 2017 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Altra settimana brillante per il petrolio, che ha chiuso la sessione di venerdì a 52,24 dollari al barile, con un guadagno superiore al 3,2% su base settimanale. A spingere le quotazioni del greggio hanno contribuito le tensioni geopolitiche legate all'attacco missilistico degli USA in Siria. Questo driver però è subito scemato, dato che il Paese mediorientale è anche uno dei più piccoli produttori OPEC, mentre gli operatori sono tornati a scommettere sulla possibilità di estensione dei taglio OPEC al meeting di fine aprile. Nel frattempo, le scorte USA hanno aggiornato i record storici, salendo di quasi 1,6 milioni ed il report sui pozzi “attivi” monitorati da Baker Hughes ha evidenziato un aumento di 10 unità, evidenziando una crescita della produzione da Shale Oil per la dodicesima settimana consecutiva.

Stesso movimento per il gas naturale, che ha guadagnato circa il 2,2% a 3,261 dollari per milione di BTU, nonostante la piccola correzione riportata venerdì in scia al greggio. A muovere il prezzo del gas hanno concorso ancora i dati settimanali sugli storage pubblicati dall'EIA, che hanno evidenziato un aumento inferiore alle attese di 2 BCF (il consensus era per un aumento di 7 BCF). Gli stock di gas continuano dunque a crescere a ritmi più lenti dello scorso anno, ma si confermano su livelli record e superiori alla media degli ultimi 5 anni.

Settimana fiacca per il grano, che vede scendere le quotazioni dello 0,59% a 424 cent per bushel. Il mercato ha espresso cautela in attesa che questo martedì venga pubblicato il report su Domanda/Offerta del Dipartimento dell'Agricoltura statunitense. A giocare un ruolo negativo anche gli ampi stock mondiali, che hanno controbilanciato l'indicazione positiva dell'USDA sui quantitativi esportati (oltre 568 mila tonnellate nella settimana chiusa al 30 marzo).

Ottava positiva per l'oro, che si è portato nella giornata di venerdì a 1.254,3 dollari l'oncia, evidenziando un incremento dello 0,56%. In realtà, il metallo giallo ha abbondantemente corretto dai massimi raggiunti oltre 1.269 dollari, dopo l'attacco missilistico degli USA in Siria, che ha rivalutato la natura di "safe heaven" (bene rifugio) del prezioso. Alla fine hanno pesato i realizzi, in un mercato che beneficiava di quanto emerso dal Job Report statunitense, la creazione di meno posti di lavoro a marzo, e dai verbali della Fed, la tendenza a centellinare gli aumenti dei tassi quest'anno. L'oro difatti sconta una politica di aumenti progressivi e graduali dei tassi USA, puntualmente confermata dai verbali del FOMC.

Il rame ha chiuso una settimana un po' fiacca, cedendo lo 0,21% a 2,65 dollari la libbra, dopo l'incontro fra il Presidente USA Donald Trump e quello cinese Xi Jinping. Il vertice si è concluso con un nulla di fatto nell'immediato sul commercio: gli USA hanno concesso alla Cina cento giorni per patteggiare un nuovo accordo anche se sembra che Pechino abbia promesso di ridurre gli squilibri che stanno condizionando l'economia mondiale e l'inflazione.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.