Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Venerdì 19 Ottobre 2018, ore 04.41
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Notizie dal Forex 1 febbraio 2018 - [video]

Approfondimento settimanale sul mercato delle valute a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

EUR/USD
Euro in rialzo nei confronti del biglietto verde scambia oltre quota 1,24 dollari. Il tasso di crescita dei prezzi al consumo ha segnato un rallentamento ulteriore a gennaio dopo quello di dicembre. Una moderazione a dispetto della solidità della ripresa economica, che allontana ancora l'inflazione dal target fissato dalla BCE. Il cable vale 1,2452 dollari con la prima area di resistenza vista a 1,2481 dollari.

USD/YEN
Il biglietto verde prende forza nei confronti dello yen recuperando un po' del terreno perso in precedenza. La Federal Reserve, come sperato, ha mostrato fiducia sulle prospettive dell'economia a stelle e strisce sull'inflazione. Tali valutazioni hanno rafforzato le aspettative di più rialzi dei tassi di interesse, dando così linfa alla valuta statunitense. Il cross vale 109,43. Il primo livello di resistenza è visto in area 109,76.

GBP/USD
La sterlina consolida i guadagni dell'ultimo periodo sulla divisa statunitense in attesa nei prossimi giorni delle nuove prospettive economiche da parte dei funzionari della banca centrale di Inghilterra. Il cable scambia a 1,4230 dollari e il primo livello di resistenza è visto in area 1,4284.

EUR/YEN
L'euro si avvantaggia nei confronti della valuta giapponese scambiando a quota 136,27 yen. Il primo livello di resistenza è visto in area 136,80 yen. La banca centrale del Giappone ha confermato l'intenzione di continuare sulla strada di allentamento monetario, considerato che l'inflazione si mantiene ancora lontana dal suo target del 2%.
Altri Video