Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Giovedì 21 Novembre 2019, ore 18.09
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Confedir al tavolo sociale per l'Europa

Presso il Consiglio nazionale dell'Economia e del Lavoro Teleborsa ha incontrato e intervistato Marcello Pacifico Segretario organizzativo Confedir, presente al CNEL per partecipare ai lavori di una delle commissioni per parlare del futuro dell'Europa.

"Partecipo ai lavori di una delle commissioni del CNEL, nella delegazione Confedir, proprio perché vogliamo parlare del futuro dell'Europa - spiega Pacifico - abbiamo accolto un invito da parte del Comitato economico e sociale europeo che ha chiesto anche al nostro CNEL nazionale di esprimersi, attraverso le parti sociali con un progetto condiviso tra parti sociali e organizzazioni, non solo datoriali ma anche sindacali, un progetto condiviso sul futuro dell'Europa".

Spiega nell'intervista il Segretario organizzativo "partiremo dalla discussione di un documento base, che per quanto ci riguarda, dovrà certamente parlare di una maggiore presenza dell'Europa anche nelle realtà nazionali laddove si vada finalmente ad approvare una legislazione, per esempio sul lavoro, che metta il lavoro e la difesa dei diritti dei lavoratori al centro della politica economica di ciascun paese dell'Unione".

"Tutto questo - si avvia a concludere Pacifico - significa anche armonizzare le regole tra il settore pubblico e il settore privato, perché non possono esistere lavoratori di serie A e lavoratori di Serie B. Bisogna far in modo che lo Stato, come le aziende private, rispetti certe regole e certi diritti fondamentali come prevede anche la nostra Costituzione. Bisogna garantire giuste retribuzioni; una retribuzione adeguata almeno all'aumomento del costo della vita e il rispetto di tutte le materie che, già la Corte di Giustizia Europea ma prima ancora il Consiglio d'Europa e il Parlamento, hanno approvato in questi anni rispetto l'orario di lavoro, la regolamentazione del lavoro stesso e anche delle direttive che riguardano i contratti a termine e le norme che cercano di evitare l'abuso di questi contratti a termine".
Altri Video