Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 22 Ottobre 2018, ore 20.10
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 27 giugno 2016

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Il petrolio ha chiuso la settimana in rialzo del 2,83% a 48,99 dollari, centrando finalmente il recupero dopo due settimane molto negative. A sostenere il greggio hanno contribuito alcuni dati macro USA positivi e il forte calo delle scorte, che ha in buona parte compensato le ansie provocate dalla Brexit e dalle preoccupazioni per i riflessi sull'economia mondiale.

L’ottava è risultata positiva anche per il gas naturale, che prosegue la rimonta, chiudendo in ascesa del 12,21% a 2,987 dollari, sulle attese di un aumento della domanda elettrica casata dai condizionatori e da temperature sopra la norma. Un supporto dai dati sugli storage, cresciuti di 37 BFC, meno dei 45 previsti dagli analisti.

Il grano ha chiuso con un altro scivolone dell’8,47% a 416,25 cent per bushel, in scia alle stime dell’USDA sul raccolto: le superfici coltivate sono stimate in 50,8 milioni di acri, sopra i 49,5 stimati in precedenza dal governo, e le scorte 981 milioni di sacchi, al top da 28 anni.

L’oro è salito per la quinta settimana consecutiva, in risposta alla volatilità dei mercati ed all’attesa di nuove misure espansive delle banche centrali a causa della Brexit. La Bank of England ha già garantito un nuovo piano di quantitative easing, ma si attendono politiche accomodanti anche dalla BCE e dalla Fed, che potrebbe rinviare ancora un rialzo dei tassi. Il prezioso si è spinto vicino ai massimi da 27 mesi, guadagnando l’1,44% a 1,329 dollari.

Il rame ha chiuso la terza settimana in rialzo, guadagnando il 4,95% a 2,22 dollari la libbra, massimo di due mesi. Il metallo è stato confortato dal buon dato sull’ISM manifatturiero americano, mentre i segnali di debolezza del PMI cinese hanno accresciuto le probabilità di nuove misure espansive della banca centrale.
Altri Video