Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Venerdì 20 Ottobre 2017, ore 05.39
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 27 giugno 2017 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Il petrolio ha continuato a crollare ed ha raggiunto la scorsa settimana i minimi degli ultimi 10 mesi, accusando un calo del 3,87% a 43,01 dollari alla chiusura di venerdì. Sul prodotto energetico ha continuato a pesare il surplus dell'offerta, che ha spinto le scorte su nuovi record, anche se gli ultimi dati dell'EIA si sono rivelati migliori delle attese. Al contrario, i pozzi di attivi in USA monitorati da Baker Hughes hanno registrato un aumento per la 23esima settimana consecutiva esercitando pressioni sul greggio.

Anche il gas naturale ha chiuso la settimana in pesante calo con un decremento de 3,56% a 2,929 dollari per milione di BTU, ai minimi degli ultimi tre mesi. A deprimere le quotazioni hanno contribuito i dati sugli stoccaggi, che sono cresciuti più delle attese, e le previsioni di temperature contenute nei prossimi giorni.

Prese di profitto sul grano, che ha chiuso l'ottava in ribasso dell'1,18% a 459,75 cent per bushel, dopo un paio di settimane molto positive. Il frumento ha risentito di realizzi dopo aver toccato recentemente i massimi da 2 anni a questa parte, a causa della estrema siccità che ha colpito USA ed Europa.

L'oro la scorsa settimana si è mosso fra alti e bassi, chiudendo poi su un piano di sostanziale parità a 1.256,2 dollari l'oncia (+0,18%). Dopo la performance negativa scattata con l'ultimo rialzo dei tassi Fed, il metallo ha consolidato su questi livelli in attesa di qualche novità sulle tendenze dei membri della banca centrale USA. Unico elemento di supporto la debolezza del biglietto verde, che ha fatto scaturire qualche acquisto sul metallo.

Il rame ha chiuso la settimana in recupero, con un incremento del 2,34% a 2,62 dollari la libbra, riavviando il trend rialzista interrotto l'ottava precedente. Le quotazioni del metallo rosso hanno così raggiunto i massimi delle ultime 11 settimane sulla scommessa di un aumento della domanda cinese e per il persistere di problemi produttivi.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.