Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Sabato 22 Febbraio 2020, ore 04.54
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Norme su dirigenti scolastici non convincono Udir: servono più risorse e via responsabilità penale

Pacifico: "Stiamo parlando di 8.000 presidi che gestiscono istituti con più di 8 milioni di studenti"

Le ultime norme sulla sicurezza dei dirigenti scolastici, ma anche sull'incremento del FUN (Fondo unico nazionale) nonostante siano state approvate per iniziativa dell'Udir, continuano a non convincerci. Innanzitutto - spiega Marcello Pacifico presidente Udir - perché per quanto riguarda la retribuzione di posizione di risultato, nei ricorsi che saranno discussi nei prossimi giorni, si andrà a vedere se effettivamente il Ministero sia dell'Istruzione sia dell'Economia e Finanza abbiano entrambi commesso un errore nell'attribuzione delle risorse: si parla di più di 5.000 euro per ogni dirigente scolastico all'anno, negli ultimi quattro anni. Poi - aggiunge Pacifico - perché sulla sicurezza continuano a rimanere le norme penali che vanno a penalizzare solamente i dirigenti scolastici, in quanto datore lavoro, pur non avendo i poteri di spesa. Sono entrambe battaglie che "porteremo avanti con forza" del nuovo anno.

In questo 2020 - fa sapere il sindacalista - Udir ha già messo in campo un servizio di consulenza per la sicurezza, ma anche per la lettura dei propri cedolini. Per capire cosa non sta dando né il Ministero dell'Economia né il Ministero dell'Istruzione. Infine per aver valutato la propria professionalità perché anche senza i dirigenti della scuola, la scuola non può andare avanti. Stiamo parlando di 8.000 presidi che gestiscono istituti con più di 8 milioni di studenti. E' importante valorizzarne la professionalità - conclude Pacifico - "per non far decadere la scuola pubblica".
Altri Video