Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. X
Mercoledì 18 Ottobre 2017, ore 00.29
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Notizie dal Forex 22 giugno 2017 - [video]

Approfondimento settimanale sul mercato delle valute a cura dell'Ufficio Studi di Teleborsa

EUR/USD
Euro in calo nei confronti del biglietto verde scambia a 1,1159 dollari. Sulla moneta di Eurolandia pesano le incertezze legate alla Brexit e le prospettive di aumento dei tassi USA. Il mercato, infatti, stima un intervento restrittivo da parte della Fed, quest'anno, alla luce delle ultime indicazioni rilasciate dai vari funzionari della banca centrale, apparsi ottimisti sull'economia americana.

USD/YEN

Il dollaro appare debole nei confronti dello yen visto come bene rifugio per gli investitori. La divisa USA contiene tuttavia il calo con il mercato che ritiene probabile un nuovo intervento restrittivo da parte della Fed, nel 2017. La moneta nipponica, dal canto suo, viene penalizzata dalla Banca centrale del Giappone che ha raffreddato le attese di una exit strategy. Il cross scambia a 111,19 yen.

GBP/USD
Sterlina in forte calo nei confronti del biglietto verde registra una flessione di oltre 2 punti percentuali su base settimanale. La divisa inglese ha frenato dopo che il governatore della Banca di Inghilterra ha detto che non è ancora il momento di alzare i tassi di interesse in UK. Il cross scambia a 1,2657. Il primo livello di supporto è visto 1,2643 dollari.

EUR/YEN
Ancora in calo l'euro nei confronti dello yen che beneficia della sua natura di bene rifugio. Il cross eur/yen scambia a 124,08 con una performance settimanale negativa dell'1% circa. Primo supporto visto a 123,76. La debolezza della moneta unica è ascrivibile alla riduzione delle prospettive di un imminente processo di tapering in vista di una crescita stabile dell'inflazione nella zona euro.
Altri Video
Commenti
Nessun commento presente.
Per inserire stili HTML nel commento seleziona una parola o una frase e fai click sull'icona corrispondente.