Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 17 Dicembre 2018, ore 19.53
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Il punto sulle commodities 27 febbraio 2018 - [video]

Il mercato delle materie prime analizzato dall'Ufficio Studi di Teleborsa

Altra settimana positiva per il petrolio, che ha chiuso venerdì a 63,55 dollari, con un vantaggio superiore al 3% ai massimi da due settimane. A sostenere i prezzi ha contribuito il calo inatteso delle scorte rilevato dall’EIA di 1,6 milioni di barili contro stime di crescita per 1,9 MBG. Scarso impatto ha avuto quindi il report di Baker Hughes sui pozzi attivi che ha rilevato un piccolo aumento di 1 unità.

Il gas naturale ha guadagnato il 2,6% a 2,625 dollari per milione di BTU, dopo che i dati sugli storage hanno evidenziato un calo di 124 BCF superiore alle attese del mercato e al quantitativo rilevato la stessa settimana del 2017. Il calo degli storage ha solo in parte compensato l’effetto negativo derivante da previsioni meteo che preannunciano temperature più alte del previsto a inizio marzo.

Prezzi in discesa per il grano, che ha chiuso a 452,25 cent per bushel in ribasso dell’1,2%. Le quotazioni del frumento continuano a risentire dell'offerta abbondante e della forte competizione sull'export, a dispetto della progressiva ripresa della domanda globale. Un report dell'USDA ha confermato un calo delle scorte ai minimi da quattro anni, ma anche una caduta delle esportazioni ai livelli più bassi da tre anni a questa parte.

L'oro ha chiuso l'ottava in rosso, cedendo l’1,85% a 1.328,2 dollari l'oncia e registrando la peggiore performance settimanale in oltre due mesi e mezzo. Il metallo prezioso si è mosso ancora in controtendenza rispetto al biglietto verde, che ha recuperato terreno dai minimi delle ultime settimane, il livello più basso da oltre tre anni, sull'aspettativa di un aumento dei tassi da parte della Federal Reserve.

Settimana debole per il rame, che ha ceduto l’1,1% a 3,2125 dollari la libbra, a causa della forza del dollaro, che ha recuperato terreno dai minimi degli ultimi tre anni. Il mercato ha risentito anche di una domanda debole in concomitanza con le festività del Capodanno cinese.
Altri Video