Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 22 Luglio 2019, ore 12.24
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Pacifico a Teleborsa: "Noi vogliamo una scuola dell'autonomia"

Il presidente di ANIEF è intervenuto ai microfoni di Teleborsa al margine

Ancora una manifestazione riguardante il mondo della scuola contro la regionalizzazione. In Piazza Montecitorio si è svolta una manifestazione organizzata dal Comitato spontaneo nazionale cittadino, comparto scuola, al quale hanno aderito i sindacati di UNICOBAS, COBAS, AND, ANIEF, GILDA degli insegnanti, ADIDA.

Ha spiegato i motivi, e i progetti futuri, il presidente del sindacato ANIEF, Marcello Pacifico che ai microfoni di Teleborsa ha dichiarato che "A quanto pare, tutte le sigle sindacali e quindi tutto il mondo della scuola è contro questa associazione mascherata, di fatto non giustificata da niente, che vorrebbe questa regionalizzazione". "La scuola è autonoma per costituzione – continua Pacifico - e da canto nostro abbiamo introdotto un articolo dove parliamo di scuola dell’autonomia, per dare più importanza ed interesse al territorio, ai nostri studenti e alla nostra scuola". Dura la critica che continua, riguardo il concetto di regionalizzazione che dividerebbe il tutto in "due parti ben distinte d’Italia, noi siamo per la scuola dello Stato italiano, nel rispetto della libertà dell’insegnamento, se si vuole ridurre il gap fra Nord e Sud".

La soluzione, secondo il presidente di ANIEF, sarebbe quella di "fare una nuova politica sugli organici, darli alle scuole dell’autonomia e, in base ai problemi che si riscontrano sul territorio, riguardanti il gap della formazione e dell’occupazione, oltre a quello dell’abbandono scolastico, bisogna trovare nuove risorse per incentivare il lavoro in zone più difficili". "C’impegniamo in questo – conclude il presidente – ma qualora questa riforma verrà approvata, ricorreremo in Tribunale, in Corte Costituzionale, per far annullare questa norma di legge che riteniamo lesiva per i diritti dello Stato Italiano”.
Altri Video