Teleborsa utilizza cookie, anche di terze parti, e tecnologie simili per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la nostra Informativa sui cookie.
Chiudendo questa notifica dichiari di aver preso visione e di ACCETTARE LA PRIVACY E I COOKIE DI TELEBORSA.

 
Lunedì 23 Settembre 2019, ore 00.31
Azioni Milano
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

ANIEF, Pacifico: "Insufficienti risorse dal Governo"

Marcello Pacifico, presidente di ANIEF, parla ai microfoni di Teleborsa

Ancora la scuola, nel mirino di Palazzo Chigi. La legge di stabilità ha finanziato le risorse per l'aumento degli stipendi per i dipendenti statali.

Ha fatto il punto della situazione il presidente di ANIEF, Marcello Pacifico, ai microfoni di Teleborsa, parlandone in maniera ampia: "ANIEF ha sempre denunciato come queste risorse, che si aggirano intorno ai 30 euro a testa di aumento per gli statali, sono insoddisfacenti. Questi soldi sono presenti, stanziati dal Governo ed il Parlamento. La soluzione, forse è quella di rinnovare i contratti - continua Pacifico - ma non possono essere rinnovati se non si firma la nuova rappresentatività, che blocca le trattative per i rinnovi".

"Questo è un momento pericoloso, il Governo sta cercando di raccogliere tutte le risorse disponibili per evitare la procedura d'Infrazione, che potrebbe riprendersi i soldi stanziati gli aumenti - continua Pacifico - se fossi stato nel sindacati rappresentativi avrei subito firmato l’accordo per bloccare almeno questi interventi e dare aumenti agli statali. Addirittura, a Palazzo Chigi, c’è stato un accordo per dare 80, 100 euro in più a un milione di docenti ATA e se non si firma l’accordo questi soldi saranno bruciati".

La speranza è quella della firma di questo accordo da parte delle confederazioni rappresentative perché "se non si firmerà gli statali perderanno quei pochi aumenti che avrebbero potuto avere". "ANIEF - conclude il presidente - ricorrerà ai tribunali perché non è possibile che per interessi di parte, delle proprie associazioni sindacali si vadano a minare gli interessi dei lavoratori. Il sindacato nasce per tutelare i lavoratori e non per illuderli, ci batteremo fino in fondo per rispettare questo sacrosanto diritto".
Altri Video