Facebook Pixel
Milano 17:35
33.707,21 -0,38%
Nasdaq 22:00
19.701,13 +1,16%
Dow Jones 22:01
39.112,16 -0,76%
Londra 17:35
8.247,79 -0,41%
Francoforte 17:35
18.177,62 -0,81%

La continuità didattica degli alunni disabili attraverso la stabilizzazione diretta dei docenti

Ernesto Ciraci, candidato alle elezioni al CSPI per la lista Anief "Democrazia, responsabilità e partecipazione" per la scuola Secondaria di primo grado

"Una delle criticità del sistema scolastico italiano è sicuramente la mancanza di continuità didattica, soprattutto per gli alunni con disabilità. Basti pensare che ogni anno abbiamo a supplenza circa 100mila cattedre, che vengono chiamate cattedre in deroga". E' quanto afferma Ernesto Ciraci, candidato alle elezioni al CSPI per la lista Anief "Democrazia, responsabilità e partecipazione" per la scuola Secondaria di primo grado, Presidente MiSoS e formatore eurosofia.

"Questa discontinuità didattica - spiega i sindacalista - non solo provoca un percorso formativo per i nostri alunni non idoneo, ma allo stesso tempo provoca la supplentite, ossia i docenti che cambiano sede ogni anno. Questo è intollerabile".

"Noi dell'Anief vorremmo porre come obiettivo, innanzitutto, la stabilizzazione di tutti i docenti specializzati, ma anche dei docenti curriculari, perché riteniamo opportuno che la continuità didattica debba essere garantita da tutti i docenti. E poi, un altro grande obiettivo, per quanto riguarda il Sud Italia, è la trasformazione delle cattedre in deroga in organico diritto", afferma Ciraci, spiegando che "solo la Sicilia ha circa 14mila cattedre a supplenza".

"In questi anni abbiamo cercato di migliorare le criticità sui PEI (Piano educativo individuale, Ndr), ma rimane tanto da fare, ad esempio in merito alla proposta di assegnazione dei docenti di sostegno da parte delle famiglie. Noi riteniamo che non sia opportuno, anzi che non rientri in quella che è la trasparenza delle GPS prima fascia, e riteniamo alquanto pericoloso procedere verso questa strada".

"Quindi noi chiediamo di votare al Consiglio Superiore della Pubblica Istituzione la lista Anief - conclude Ciraci - esprimendo un voto di cambiamento, affinché ci possiamo opporre in modo costruttivo a tutte queste criticità, a tutela di tutti i docenti sia di sostegno che curriculare".
Condividi
"
Altri Video
```